Sei in Archivio

Bardi

Addio a suor Linda: un mito per i bimbi e ragazzi della Val Ceno

di Erika Martorana -

06 gennaio 2019, 23:30

Addio a suor Linda: un mito per i bimbi e ragazzi della Val Ceno

La Val Ceno dice addio a suor Linda (Ernestina Prina), spentasi nei giorni scorsi, all’età di 83 anni. Faceva parte dell’ordine delle Suore dell’Immacolata Regina della Pace di Mortara, le stesse che fino a pochi anni fa gestivano la scuola materna e la casa di riposo di Bardi. «Nella nostra parrocchia - ha dichiarato commossa, Gisella Bertorelli, del gruppo Amici della Parrocchia di Bardi - rimarrà di lei un ricordo indelebile: per 16 anni, negli anni ‘70/’80, suor Linda donò il suo servizio presso la scuola materna e, oltre a farsi amare dai bambini, dai ragazzi e dai giovani, riuscì ad entrare nel cuore di tutta la nostra comunità grazie alla sua innata capacità di trasmettere al prossimo la gioia per la vita. L’energia che emanava, era un vero inno all’amore che lei aveva per colui che amava definire “il suo sposo”: il Signore». Suor Linda si circondava di bambini e ragazzi: «Chiunque ha avuto la fortuna di conoscerla non ha dimenticato l’impressionante agilità che aveva quando giocava a palla prigioniera; i pomeriggi estivi alla scuola di cucito mentre a turno si recitava il rosario; i giovedì d’inverno quando si portava la legna ai vecchietti; i turni per andare a trovare con lei gli ammalati, gli infermi, gli anziani; le messe pomeridiane della quaresima e i canti, i suoi amati inni al Signore che insegnava con amore ed erano sempre gioiosi». Quando la trasferirono da Bardi, continuò a prestare servizio in un’altra scuola materna vicino a Mortara, e poi in un centro che ospitava ragazze madri. Si ritirò nella casa di riposo delle Suore di Mortara, continuando ad aiutare le consorelle: «Amava scrivere preghiere come poesie, amava cantare, amava il prossimo. Di lei porteremo per sempre nel nostro cuore il suo sorriso, il suo immenso abbraccio, la cordialità e lo spirito di una donna che ha donato la sua vita al prossimo».