Sei in Archivio

STATI UNITI

Ciclista 90enne trovato positivo al doping: le autorità gli revocano il record

La difesa: "colpa" della carne con gli steroidi

06 gennaio 2019, 20:27

Ciclista 90enne trovato positivo al doping: le autorità gli revocano il record

A 90 anni il record più che sulla pista è riuscito a batterlo nelle pagine di in cronaca, dove è finito, visto che il ciclista Carl Grove, vincitore di due titoli ai Campionati Masters di Breinigsville, in Pennsylvania, lo scorso luglio e con tanto di record, è stato trovato positivo all’epitrenbolone. Si tratta di uno steroide anabolizzante. Così Grove è stato privato del fresco primato.
Nessuna furbizia, per carità, tanto che l'Usada (l'agenzia anti-doping statunitense) ha creduto alla tesi difensiva - «carne contaminata» - ma tant'è, l’arzillo "vecchietto", che aveva gareggiato nella categoria 90-94 anni e "vinto facile" sia nell’inseguimento che nella cronometro in quanto anche unico concorrente in pista, è stato adesso "pizzicato" dall’Agenzia Antidoping che in un campione di urina dell’11 luglio ha trovato uno steroide anabolizzante. Da qui la decisione dell’Usada di privarlo del titolo conquistato nell’inseguimento, lasciandogli però quello nella prova contro il tempo.