Sei in Archivio

SIRIA

Morto un italiano filocurdo che combatteva l'Isis

Giovanni Francesco Asperti si era unito ai miliziani dell'Ypg

07 gennaio 2019, 23:11

Morto un italiano filocurdo che combatteva l'Isis

Un combattente italiano, che si era unito alla causa curda nella lotta contro l’Isis, è morto in Siria circa un mese fa, in circostanze poco chiare. Si chiamava Giovanni Francesco Asperti, ma era conosciuto sul campo con il nome di battaglia di 'Hiwa Boscò. Secondo le milizie con cui si era arruolato, sarebbe rimasto vittima di uno «sfortunato incidente».
La notizia del decesso di Asperti è stata annunciata dallo Ypg, le Unità di protezione popolare, sul loro sito dove hanno pubblicato anche la sua foto in tenuta militare. In seguito, la sua morte è stata confermata dalla Farnesina, specificando che il consolato d’Italia a Erbil sta seguendo il caso con la massima attenzione ed è in contatto con i familiari per prestare loro ogni possibile assistenza.
I miliziani dello Ypg conducono ormai da quattro anni una guerra senza quartiere contro i jihadisti dello Stato islamico, nel nord della Siria. E grazie al sostegno degli americani, principalmente attraverso i raid aerei, hanno dato un contributo decisivo alla cacciata dei terroristi dalla gran parte dei territori che erano finiti sotto il controllo del 'Califfatò, a partire da Kobane e Raqqa. Inseguendo il sogno, insieme con altre fazioni curde presenti anche in Turchia e Iraq, di un Kurdistan unito e indipendente.
Alla loro lotta si sono uniti anche molti stranieri, come appunto Giovanni Francesco Asperti, che però ne è rimasto vittima. Le poche informazioni fornite dai curdi, al momento, fanno pensare che non sia morto in combattimento. «Il nostro commilitone è rimasto martirizzato in uno sfortunato incidente il 7 dicembre 2018 a Derik» (nel nordest della Siria, vicino al confine turco), ha spiegato lo Ypg sul suo sito, tributando comunque a 'Hiwa Boscò un encomio solenne: «Durante tutta la sua vita nella lotta di liberazione, ha dato l’esempio di una vera vita rivoluzionaria».
Un altro attivista italiano, Claudio Locatelli, con un percorso analogo a quello di Asperti e bergamasco come lui, ha espresso sui social il proprio «dolore dovuto ad ogni combattente che ha scelto la via del campo». Locatelli, 30enne, dopo aver aiutato da volontario i terremotati ad Amatrice e gli alluvionati in Veneto, era partito dalla sua città con un volo diretto in Iraq ed era entrato in Siria, imbracciando un fucile al fianco dei curdi contro le milizie dello Stato islamico. Per poi raccontare la sua esperienza in un libro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA