Sei in Archivio

EDITORIALE

Brexit: Londra è (in)decisa a tutto

di Paolo Ferrandi -

12 gennaio 2019, 14:12

Brexit: Londra è (in)decisa a tutto

«Grande è la confusione sotto il cielo. La situazione è eccellente». Molti a Londra in questi giorni vorrebbero avere l'ottimismo - o il giudizio accecato dall'ideologia, a volte le due cose si equivalgono - di Mao Zedong, l'autore della celebre massima.
Infatti la confusione - a pochi giorni dal voto sull'accorto trovato dalla premier Theresa May con la Ue, previsto per martedì prossimo - è grande. Anzi enorme. È, infatti, altamente probabile che l'accordo venga bocciato dal Parlamento, visto che non ha convinto nemmeno i conservatori, il partito della May che è diviso - come tutto il Paese - tra fautori della Brexit e invece chi preferirebbe rimanere nell'Unione europea.
Eppure la quasi certezza della bocciatura del piano che potrebbe portare a una disastrosa uscita del Regno Unito dalla Ue senza alcun accordo, pare aver stregato l'intera classe politica bloccata e immobile. Pietrificata dallo sguardo di Medusa.
C'è chi preferisce un accordo con meno vincoli, c'è chi vuole un patto ancora più stringente, c'è chi chiede più tempo e un secondo negoziato, c'è chi punta a un secondo referendum che annulli il primo e chi, invece, spera nelle elezioni anticipate. Ma nessuno sembra prendere sul serio l'ipotesi di un «no deal», del mancato accordo, che a ogni ora che passa, sembra sempre più spaventosamente reale. Con la recessione mondiale che, secondo tutti gli studi, potrebbe innescare.
pferrandi@gazzettadiparma.net