Sei in Archivio

salute

Raro intervento oncologico su una 14enne a Modena

Aveva un cancro al colon, dopo un anno ha ripreso vita normale

04 febbraio 2019, 12:05

Raro intervento oncologico su una 14enne a Modena

Un raro e complesso intervento di chirurgia oncologica è stato eseguito al policlinico di Modena su una 14enne, con un tumore al colon. A distanza di un anno la paziente, italiana e residente in un’altra regione, ha potuto riprendere una vita normale, libera dalla malattia.
L’intervento di «cito-riduzione chirurgica associata a chemio-ipertermia intraperitoneale (Hipec)» è il quinto caso al mondo su pazienti under 18, il primo in Italia su paziente pediatrica. E’ stato svolto dall’equipe di Chirurgia generale d’urgenza e oncologica del Policlinico, diretta dalla professoressa Roberta Gelmini, insieme a quella di Chirurgia pediatrica, diretta dal dottor Pier Luca Ceccarelli. La ragazzina era arrivata a Modena nel 2016 per sottoporsi a un’exeresi radicale del carcinoma, seguito da cicli di chemioterapia, con remissione della patologia. Ma dopo un anno ha presentato una recidiva, localizzata a entrambe le ovaie con estensione anche al peritoneo. Di qui la decisione di intervenire.
«In una paziente di quattordici anni - ha spiegato Gelmini - questo intervento ha presentato una serie di problematiche, relative al dosaggio dei farmaci da utilizzare, al protocollo anestesiologico e più complessivamente alla gestione intra e postoperatoria legate alla giovane età della Paziente ed al difficile percorso terapeutico, che sono state brillantemente risolte grazie alla fattiva collaborazione di tutti i professionisti coinvolti. Il decorso operatorio è andato benissimo, la giovane è stata dimessa 14 giorni dopo l'intervento e ha ricominciato una vita normale». Dopo un anno, «è senza malattia e questo è un risultato eccezionale, soprattutto perchè non vi sono state complicanze post-operatorie e siamo riusciti ad assicurare alla paziente un’ottima qualità di vita, in un quadro clinico di partenza decisamente compromesso». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA