Sei in Archivio

agroalimentare

Contratti di coltivazione: Barilla acquista grano per 900mila tonnellate grano in tre anni

Garanzia di qualità e sostenibilità con +15% redditività

07 febbraio 2019, 19:53

Contratti di coltivazione: Barilla acquista grano per 900mila tonnellate grano in tre anni

Sono 900mila le tonnellate di grano duro acquistate dal 2017 al 2019 da Barilla attraverso i contratti nazionali di coltivazione. Lo annuncia, in una nota, il Gruppo Barilla nel precisare che gli accordi triennali stipulati con oltre 5mila imprese agricole italiane riguardano oltre 65mila ettari di superficie destinata alla coltivazione del grano duro. Un sistema, sottolinea il gruppo di Pedrignano, «che fa bene all’ambiente e migliora la redditività degli agricoltori». I contratti, infatti, garantiscono alle imprese di accedere ai finanziamenti pubblici per un importo di 10 milioni di euro e di avere una migliore redditività del 15% superiore in media in più ai contratti standard, grazie anche ad un bonus legato a una produzione di qualità maggiore. Attraverso sistemi di coltivazione più sostenibili ed efficienti, ad esempio, la rotazione delle colture o il giusto dosaggio dei fertilizzanti, si riducono inoltre i costi per gli agricoltori e l'impatto ambientale. E grazie all’applicazione di rigorosi disciplinari di coltivazione, Barilla, ha la certezza di ricevere un grano duro di eccellente qualità, per realizzare la miscela di alta qualità di cui ha bisogno per produrre una pasta buona e ancora più sostenibile.