Sei in Archivio

EDITORIALE

Alitalia: il ritorno dello Stato aviatore

di Paolo Ferrandi -

15 febbraio 2019, 14:01

Alitalia: il ritorno dello Stato aviatore

C'era una volta, non tanto tempo fa, lo stato imprenditore. C'erano una volta le grandi aziende di Stato che producevano di tutto: dall'acciao ai panettoni. C'era una volta il Ministero delle Partecipazioni statali che coordinava un sacco di sigle che ora sembrano astruse: Iri, Eni, Egam, Eagc, Efim, Eagat e Eamo. Per non parlare di Enel, Ferrovie dello Stato, Poste, delle banche e della Telecom-Sip. E di Alitalia. Una fetta enorme dell'economia italiana dipendeva da decisioni politiche.
Poi, sotto il peso del nostro debito pubblico e delle terribili inefficienze economiche di questo sistema, si iniziò a privatizzare. Fu un processo difficile, lungo, con grandi costi sociali e a volte con pessimi risultati. Un esempio su tutti: Telecom. Eppure fu un processo doveroso perché la gestione delle aziende non deve dipendere dalla politica. Pena la nazionalizzazione dei costi delle inefficienze provocate dalla politica.
Con Alitalia, sembra che si voglia tornare indietro e lo Stato (ministero del Tesoro, e Ferrovie) potrebbe superare il 50% del capitale della società con l'aiuto di Cdp. Intendiamoci: con le regole europee l'intervento non potrà essere una semplice nazionalizzazione. Ma l'operazione è giustificata sempre allo stesso modo: la salvaguardia dei livelli occupazionali. Solo che una società non efficiente è destinata a perdere soldi e poi a fallire. O a essere «salvata» per l'ennesima volta. E alla fine il conto lo pagheremo noi cittadini.