Sei in Archivio

politica

Eramo "controcorrente": "Ma davvero una piccola pista nella Parma sarebbe così distruttiva?"

15 febbraio 2019, 11:42

Eramo

La consapevolezza di scatenare reazioni, ovviamente c'è. "Ora so che sto per fare un'affermazione terribile..", scrive infatti. Il quesito è quello che si pone il consigliere di minoranza Pier Paolo Eramo, mostrando una foto degli argini della Parma. "Ma se ci fosse una piccola pista, farei volentieri una camminata senza sprofondare nel fango... Davvero sarebbe un intervento così distruttivo?". 

Il tema è spinoso, la destinazione del greto del torrente è al centro di un dibattito caldo che contrappone le intenzioni dell'Amministrazione comunali agli allarmi lanciati da diverse associazioni, in particolare ambientaliste ma non solo.

Tra le risposte, arriva quella di Enrico Ottolini, del Wwf: "E' il greto di un corso d'acqua, con una propria dinamica ed una propria naturalità. Volerlo rendere simile a un parco urbano uguale a tanti altri significa non comprenderne la natura e le reali potenzialità. 700 mila euro sarebbero meglio spesi a sistemare le piste ciclabili esistenti (ad esempio quella sulla Parma a Baganzola) o a destinare alla fruizione aree meno in vista, come quella di via Liani."

© RIPRODUZIONE RISERVATA