Sei in Archivio

Calciomercato

Caso Icardi, ora si va verso il rinnovo (Dopo le lacrime di Wanda in tv)

Nuovo accordo alle condizioni del club nerazzurro.

18 febbraio 2019, 10:40

Caso Icardi, ora si va verso il rinnovo (Dopo le lacrime di Wanda in tv)

Dopo le lacrime della moglie/agente Wanda Nara a Tiki Taka, ecco che la telenovela legata al rinnovo del contratto di Icardi pare essere vicina all'episodio finale. Sempre più probabile che si arrivi alla fumata bianca ma alle condizioni dell'Inter.

Si parla di un accordo sulla base di sette milioni di euro, netti, a stagione (come sempre ipotizzato dai vertici nerazzurri) e, quasi certamente, all'eliminazione della famosa clausola rescissoria, pari a 110 milioni di euro, valida per l'estero. Il duo Icardi/Wanda Nara pare ormai convinto a chiudere, il prima possibile, l'annosa questione, senza altre polemiche.

«Non avrei mai pensato che sarebbe successo. Siamo sempre in contatto con l’Inter ma l’ho scoperto tramite Twitter": ha detto Wanda Nara a Tiki Taka, parlando della decisione dell’Inter di togliere la fascia a Icardi.
«A Mauro hanno tolto una gamba. Ha sempre vestito la maglia con orgoglio. Se non ci avesse tenuto - aggiunge Wanda - non avrebbe reagito così. Ha fatto tutto per onorare la fascia di capitano. Non era facile indossarla dopo Zanetti».

«Ho chiamato Moratti e gli ho chiesto di aiutarmi a far giocare Icardi. Perchè Mauro in questi casi si chiude. Non ce ne vogliamo andare. Non abbiamo mai avuto dubbi - continua - di andare alla partita (di ieri contro la Sampdoria, ndr). Vado sempre come moglie di Icardi, del capitano, e poi come mamma di un bambino interista. La nostra è una famiglia interista».

«La vicenda del sasso? C'erano le telecamere. Mauro dormiva. Non ho qui la mia famiglia. La mia famiglia è l’Inter. Cinque minuti dopo mi ha chiamato Marotta. Ero sotto choc non riuscivo a guidare": 
Una settimana di tensione, tanto che Wanda è scoppiata in lacrime. E poco dopo è intervenuto  telefonicamente anche lo stesso amministratore delegato nerazzurro: «Intendiamo stemperare tensione, dare serenità a Wanda e Icardi. Abbiamo convocato Icardi negli spogliatoi e spiegato le motivazioni. Volevo solo intervenire rincuorando Wanda perchè l’ho vista piangere, ci vediamo prestissimo per parlare. Vorrei che capisse che lo facciamo per il bene di Mauro», ha detto Marotta.

«Rimanere all’Inter? Spero di sì ma ci sono molte variabili e non dipendono solo da noi. Un anno nel mondo del calcio è un lasso di tempo lunghissimo": lo dice Wanda Nara, a Tiki Taka, parlando del futuro di Mauro Icardi.
«Il problema non sono i social. E’ che la gente capisce quello che vuole. Io ho sempre detto - aggiunge - che non ho chiesto il rinnovo. Se una donna parla della formazione si mette in un ruolo dove non deve. Ogni tanto questo mondo con le donne è duro».
Poi spiega come hanno reagito i figli alla decisione del club di togliere la fascia di capitano a Icardi: «Valu mi ha chiesto cosa aveva fatto e quando gliela avrebbero ridata. Ho risposto che non ha fatto nulla e che vedremo cosa accadrà».

«Non ho mai pensato di fare un passo indietro dal fare il procuratore di Icardi perchè quello che scrivono non è vero. Se ho detto che non firmiamo rinnovo? Ho detto che ora per me il rinnovo non è la priorità. Del rinnovo parleremo in privato come abbiamo fatto sempre e per il bene dell’Inter": lo dice Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, intervenendo a Tiki Taka, dopo che all’attaccante argentino è stata tolta la fascia di capitano.

Caso Icardi, ora si va verso il rinnovo