Sei in Archivio

fornovo

Michela Zanetti si candida a sindaca

di Donatella Canali -

18 febbraio 2019, 11:11

Michela Zanetti  si candida a sindaca

Si chiama #Fornovodavivere ed è ufficialmente una delle liste che correrà a Fornovo per le prossime amministrative. A rappresentarla come candidata a sindaco, una giovane donna, Michela Zanetti, insegnante di scuola primaria dal 1996 e attualmente assessore all’ambiente, cultura e pari opportunità nel comune di Collecchio. Classe ‘73, nata a Fornovo e residente in località Provinciali, dove la famiglia Zanetti vive da generazioni, Michela è appassionata di letture, arte, botanica, musica e scienze umane. E, più di tutto, della sua professione di insegnante. «E’ la mia prima passione - afferma infatti - perché mi permette, contrariamente a come si potrebbe pensare, di apprendere continuamente. L’insegnamento allena, ogni giorno, all’ascolto dell’altro, delle sue idee, delle sue visioni. Sono felice di questa opportunità perché è proprio con questo spirito, di ascolto appunto che ho raccolto l’invito di un gruppo eterogeneo di persone di Fornovo, per mettere a disposizione la mia esperienza e il mio impegno, con l’intento di costruire non solo un programma ma un progetto il più possibile condiviso e partecipato. Inclusivo. Ed è quanto stiamo via via costruendo attraverso la formazione una lista civica sostenuta da valori e forze del centrosinistra e da tante energie del paese. Il filo conduttore di tutto il progetto è la ricerca di equilibrio tra i bisogni delle persone, il loro benessere, il loro desiderio di vivere il paese nel quotidiano e la necessità di ritrovare una sinergia con i territori circostanti su grandi temi come l’assetto idrogeologico, lo sviluppo industriale, le politiche scolastiche e lo sviluppo sociale e culturale: in sintesi l’equilibrio tra il “micro”, inteso come ricerca della qualità della vita delle persone nel rapporto con il paese, ed il macro, i grandi temi che riguardano il paese in una prospettiva territoriale. Fornovo - prosegue Zanetti - ha molte sfide davanti a sé ma crediamo che la prima cosa, la prima sfida da affontare sia il dialogo con il territorio».

La nuova esperienza, che parte anche dall’eredità del gruppo Fornovo Insieme, è aperta a tutti coloro che hanno nuove idee ed il desiderio di condividerle e mettersi a disposizione per progetto di cambiamento che parte da tre punti fermi, un abc, si potrebbe dire: ascolto, benessere, cultura. «Pensiamo che partendo dall’ascolto si possa “fare bene e fare insieme”, attivando reti di persone attorno ad un progetto ampio: la partecipazione è il valore assoluto. Così come la cultura, che intendiamo come volontà di aprirsi al mondo promuovendo ciò che di buono c’è già, i tanti “talenti”, le tante opportunità che Fornovo offre: penso alla nostra storia millenaria, all’ambiente, alle frazioni ma anche all’arte contemporanea e ai giovani artisti fornovesi».