Sei in Archivio

AMMINISTRATORI

Come comportarsi quando il conto del condominio viene svuotato

19 febbraio 2019, 13:58

Come comportarsi quando il conto del condominio viene svuotato

Ma cosa succede se si viene a scoprire che l'amministratore ha «dimenticato» di pagare utenze e fatture e, per di più ha svuotato il conto corrente? E' quanto accaduto, per esempio, a Lesignano dove uno dei residenti ha ricevuto un sollecito da Enel per bollette non pagate. Mentre l'amministratore infedele, per guadagnare tempo, aveva anche cambiato fornitore per evitare il distacco.

In questi casi la prima cosa da fare è indire una assemblea dei residenti e nominare un nuovo amministratore che cerchi di quantificare gli ammanchi mentre un avvocato si occuperà di preparare un esposto/denuncia. Tutto questo se non si è, per esempio, già arrivati ad una sospensione del servizio come accaduto di recente in una palazzina di via Rossi che, per tre giorni in pieno inverno, si è trovata senza acqua calda e riscaldamento. E ancora una volta la responsabilità era da attribuire a chi non aveva pagato la fornitura di Iren.

E' qui che sta il cuore della questione: perché non basta essere certi di avere pagato fino all'ultimo e avere le prove. Perché secondo la secondo la legge infatti il beneficiario del servizio «è il singolo condomino» e non il condominio o peggio l'amministratore. Quindi il fornitore, che ha diritto ovviamente di essere pagato, può sospendere il servizio di erogazione e «agire giudizialmente per il recupero coattivo del dovuto».

«Il linguaggio può sembrare astruso: ma è semplice da capire .- spiega un tecnico. - Di fronte a bollette scadute si deve pagare di nuovo. E se prima erano rate da 400 euro ora raddoppieranno. Per pagare quanto dovuto oggi e quanto era il pregresso mai saldato». Quanto accaduto finora in decine di case della città e della provincia: E in certi casi il tutto assume il sapore di una beffa feroce: come nel caso dell'amministratore che per svuotare il conto corrente si è attribuito un compenso di 87 mila euro. Era quello che era rimasto sul conto. Che dal giorno dopo è risultato pari a zero.