Sei in Archivio

CINEMA

Oscar a “Green book”, ma fanno festa anche “Roma” e i Queen

Nella notte delle stelle ricordato anche Bernardo Bertolucci

25 febbraio 2019, 08:05

Oscar a “Green book”, ma fanno festa anche “Roma” e i Queen

È la storia della straordinaria amicizia tra un pianista nero gay e un autista bianco rozzo e razzista: all’Oscar 2019 trionfa “Green book”. Ma sorride anche “Bohemian Rhapsody” che porta a casa 4 statuette: 3 vanno a “Black panther” e allo stesso “Green book”. E a “Roma” dove a fare tripletta è Alfonso Cuaron, premiato come miglior regista, miglior direttore della fotografia e per il miglior film straniero. Nella serata aperta dal rock senza tempo dei Queen, segnata anche dal ricordo di Bernardo Bertolucci, il figlio di immigrati Rami Malek (che cade in sala, forse per l'emozione) vince come migliore attore per la sua interpretazione di Freddie Mercury in Bohemian Rhapsody e un’emozionatissima Olivia Colman, migliore attrice (premio meritatissimo),  strappa l’unico Oscar della serata per “La favorita”. Tra i momenti clou della notte delle stelle il romantico duetto di Lady Gaga e Bradley Cooper accolto da una standing ovation: “Shallow” vince come migliore canzone. Ma la scossa la da’ anche Spike Lee, al primo Oscar (sceneggiatura non originale) che arringa la platea alla sua maniera: “Le elezioni del 2020 sono dietro l’angolo: facciamo la cosa giusta”. 

La Notte degli Oscar: foto da Hollywood

Tutti i premi assegnati nella "Notte degli Oscar"

Questi tutti i premi della 91esima edizione degli Oscar che si sono svolti a Los Angeles al Dolby Theatre.
Miglior film 'Green Book' di Peter Farrely  
Miglior regia ad Alfonso Cuaron per Roma
Miglior attore protagonista a Rami Malek in 'Bohemian Rhapsody'
Miglior attrice protagonista a Olivia Colman in "La Favorita" 
Miglior attrice non protagonista Regina King in "Se la strada potesse parlare" 
Miglior attore non protagonista a Mahershala Ali in 'Green Book'
Miglior film straniero "Roma" di Alfonso Cuaron
Miglior sceneggiatura non originale a Spike Lee, Charlie Wachtel, David Rabinowitz, Kevin Willmott per 'BlaKkKlansman'
Miglior sceneggiatura originale a Nick Vallelonga, Brian Currie e Peter Farrelly per il film 'Green Book'
Miglior cortometraggio d’animazione a "Bao"di Domee Shi e Becky Neiman-Cobb
Miglior cortometraggio a 'Skin' di Guy Nattiv e Jaime Ray Newman
Miglior cortometraggio documentario a "Period. End of sentence" di Rayka Zehtabchi e Melissa Berton
Miglior documentario a Elizabeth Chai Vesarhelyi e Jimmy Chin per "Free Solo"
Miglior trucco e acconciatura a Greg Cannon, Kate Biscoe e Paricia Dahaney-Le May per il film "Vice - L’uomo nell’ombra" 
Miglior costume: a Ruth E. Carter per il film 'Black Panther'
Miglior montaggio sonoro: a John Warhurst e Nina Hartstone per il film 'Bohemian Rhapsody'
Miglior sonoro a Paul Massey, Tim Cavagin e John Casali per il film 'Bohemian Rhapsody'
Migliori effetti speciali a "First Il Primo Uomo"
Miglior colonna sonora a Ludwing Goransson per il film 'Black Panther'
Miglior canzone a 'Shallow' di Lady Gaga, Mark Ronson, Anthony Rossomando e Andrew Wyatt per il film 'A Star Is Born'
Miglior montaggio a John Ottman per il film 'Bohemian Rhapsody'
Miglior scenografia a Hannah Beachler e Bay Hard per il film 'Black Panther'
Miglior fotografia ad Alfonso Cuaron per "Roma" 
Miglior film d’animazione a "Spiderman: un nuovo universo"