Sei in Archivio

LAVORO

Froneri licenzia anche gli impiegati: addio definitivo a Parma

Ne dà notizia la Flai-Cgil

26 febbraio 2019, 15:50

Froneri licenzia anche gli impiegati: addio definitivo a Parma

Chiude i battenti, a Parma, la Froneri, storico polo di produzione di gelati. Ne dà notizia la Flai-Cgil: «Il licenziamento degli ultimi 50 impiegati - scrive il sindacato in una nota - mette fine all’importante capitolo del gelato industriale» a Parma. 
«Dopo la chiusura dello stabilimento di via Bernini, già sede della storica azienda parmigiana dei gelati, prima Tanara, Italgel, poi Nestlè e infine Froneri, avvenuta nel dicembre 2017 - spiega la Flai-Cgil - in questi giorni l’azienda ha avviato la procedura per il licenziamento dei restanti cinquanta impiegati ancora operanti su Parma. Con questa atto si mette per sempre fine alla gloriosa storia del gelato industriale a Parma, tutte le attività verranno delocalizzate in modo definitivo sui siti di Frosinone e Rieti e i 50 impiegati che operavano ancora su Parma si troveranno senza lavoro».
Si tratta di un epilogo amaro, sottolinea il sindacato, «al quale nessuno avrebbe voluto assistere: oltre alla delocalizzazione delle produzioni ed ora delle attività amministrative il territorio perde un altro importante presidio produttivo ed umano che aveva creato una centralità industriale di prim'ordine. Con la formalizzazione del licenziamento degli ultimi 50 impiegati - viene aggiunto - si completa quella perdita occupazionale che ha segnato profondamente il territorio: pur riconoscendo a questi lavoratori alte professionalità, infatti, le opportunità di una loro riqualificazione sono molto esigue, anche in considerazione della loro età anagrafica».
Per questo, conclude la Flai-Cgil, il sindacato «di concerto con le istituzioni, ha attivato un tavolo di confronto nella speranza di non disperdere un importante patrimonio di competenze oltre che umano». 

{{title}}
RIAPERTURE

Divisi dalle rive del Po finalmente insieme

{{title}}
SUI BINARI

In stazione, chi va e chi viene. L'importante è riabbracciarsi

{{title}}
SOS NON UDENTI

Mascherine trasparenti? Sono introvabili