Sei in Archivio

amarcord

Mercanteinfiera: rivivono i giocattoli vintage. E i vostri? Inviateci le foto

26 febbraio 2019, 22:21

Mercanteinfiera: rivivono i giocattoli vintage. E i vostri? Inviateci le foto

Tra eleganti mobili settecenteschi di epoca napoleonica, statue sumere e oggetti iconici del design, passando dal collezionismo vintage griffato Chanel, LV e Jimmy Choo,  Mercanteinfiera quest'anno racconterà anche un'altra storia. Si intitola “Let’s play: come giocavamo. Giochi e giocattoli della collezione privata di Gianni Marangoni”.

Da sabato 2 marzo a domenica 10 alle fiere di Parma -  dove troveranno casa mille espositori di oggetti di antiquariato, modernariato e collezionismo vintage -, il padiglione 4 ospiterà un viaggio nel passato remoto dei visitatori grazie all'antica magia dei giocattoli.

Una vera carrellata di cimeli: bambole, vestitini e macchine per cucire, - qui, per Marangoni, è come “giocare in casa” vista la tradizione familiare (il padre Giulio, nel 1935 fondò l'Istituto Marangoni, importante nome della moda italiana) – fino a improbabili treni, navi, auto ed aeroplani.
Tra i giochi presenti spiccano i “Marinaretti” decorati da Attilio Mussino, noto per le sue illustrazioni de “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi, e le marionette in cartapesta, con tanto di abiti originali, risalenti agli anni '20. Ed ancora uno Snoopy americano degli anni '30 e, dello stesso periodo, una serie di dischi fascicolati contenenti immagini in cartone, che potevano essere ritagliate per costruire vere scenografie. 

Tutti capaci di restituire il profumo dei ricordi e il sorriso di bimbi. Oggetti che spesso coniugavano semplicità e creatività, materiali poveri e tanta, tantissima fantasia. C'è chi ancora oggi li custodisce. E ai nostri lettori "custodi" chiediamo di inviare le foto dei loro giocattoli di una volta e di aiutarci a allungare questo viaggio della memoria.

Ecco la foto della lettrice Barbara

Scarica l'app Gazzareporter per inviarci le tue foto! 

Per inviare le foto si può scaricare l'app Gazzareporter(disponibile su App Store e Google Play): clicca qui