Sei in Archivio

risparmio tradito

"Non fornite adeguate informazioni sul rischio": rimborsata una coppia di risparmiatori Cirio

20 marzo 2019, 12:58

Con sentenza dell'11 marzo scorso il Tribunale di Parma ha risolto il contratto di compravendita di obbligazioni Cirio stipulato nel 2011 da marito e moglie parmigiani con il Credito Bergamasco s.p.a. E ha condannato l'istituto di credito a rifondere ai clienti la somma investita di 9.882,54 euro, oltre interessi dalla domanda e spese di lite.
 
"Il Tribunale - spiega l'avvocato Giovanni Franchi, che ha difeso la coppia di risparmiatori - ha ritenuto inadempiente l'intermediario per non avere fornito adeguate informazioni sul prodotto finanziario in considerazione della costante giurisprudenza in materia, anche della Suprema Corte , per la quale la banca intermediaria, prima di effettuare operazioni, ha l'obbligo di fornire all'investitore un'informazione adeguata in concreto, tale da soddisfare le specifiche esigenze del singolo rapporto, in relazione alle caratteristiche personali e alla situazione finanziaria del cliente, e, a fronte di un'operazione non adeguata, può darvi corso soltanto a seguito di un ordine impartito per iscritto dall'investitore in cui sia fatto esplicito riferimento alle avvertenze ricevute. La sentenza ottenuta a Parma costituisce un'ulteriore speranza per coloro che hanno investito in titoli a rischio, come le obbligazioni Carife, Banca Marche, Banca Etruria e di altri istituti finiti in "default".