Sei in Archivio

Venerdì 22 marzo

Mattarella a Xi: "Più cooperazione e confronto sui diritti umani"

Anche il calcio sulla Via della Seta

22 marzo 2019, 20:56

Mattarella a Xi:

Cooperazione "rafforzata" Italia-Cina con le nuove intese sul commercio e "confronto costruttivo sui diritti". Mattarella ne parla con il presidente cinese Xi nell’incontro al Quirinale. I buoni rapporti con la Cina, aggiunge, sono "interesse di tutta la Ue" e auspica che, con gli Usa, Pechino possa tornare a "un commercio davvero aperto a livello internazionale". Xi parla di "partnership strategica" con l’Italia, sottolineando che ci saranno "scambi commerciali e investimenti nei due sensi". Tra gli accordi, si lavora anche sul calcio: la Figc firma una lettere di intenti per alcune gare di Serie A in Cina e la formazione per la Var dall’Italia entro il triennio. 

SCUDO UE CONTRO LA CINA. MACRON, PECHINO RIVALE SISTEMICO
CONTE DIFENDE LA LINEA ITALIANA. MERKEL: "NON HO CRITICHE"

Scudo Ue sugli investimenti cinesi a partire da aprile. "Fosse già stato in funzione, il meccanismo di screening avrebbe coperto l’83% di quelli fatti nell’Unione nel 2018", dice il presidente della Commissione Juncker. Macron avverte Conte: "Se ci si vuole muovere come potenza, serve coordinamento europeo. Lavorare come piccoli club non è un buon approccio. Pechino è rivale sistemico dell’Ue, oltre che partner economico". Il premier difende l’intesa, da cui verranno "solo benefici". "Conte ci ha aggiornato sul memorandum, per quanto ci ha spiegato, non ho trovato critiche da fare", dice la Merkel. Martedì a Parigi incontro con Xi di Macron con Merkel e Juncker. 

MACRON IRRITATO SULLA TAV, "UN PROBLEMA ITALIANO, VA FATTA" 
MA CONTE, "DISCUSSIONE APERTA. GLI HO PARLATO DEI LATITANTI"

"La Tav ora è un problema italo-italien non ho tempo da perdere", è la posizione tranchant del presidente francese Macron prima dell’incontro a Bruxelles con il premier Conte. Dopo il colloquio, aggiunge: "Conte mi ha comunicato gli interrogativi e l’analisi costi-benefici, gli ho ricordato che abbiamo un impegno intergovernativo e ci sono degli impegni che ci legano e ci legano all’Ue". "Partirà un tavolo tecnico dei due ministri e lì si aprirà una discussione", risponde Conte che sottolinea di aver parlato con Macron anche "dei latitanti che sono in Francia". "Facciano ciò che è giusto", incalza Salvini.

ULTIMA CHANCE PER MAY SULLA BREXIT, MIRACOLO O CEDE IL PASSO
SE L’ACCORDO VIENE BOCCIATO ANCORA NUOVO VERTICE UE AD APRILE

Ultima chance per la premier britannica May sulla Brexit. Serve un voto di Westminster a favore dell’accordo con l’Ue entro la prossima settimana o dovrà cedere il passo. Pochi giorni per ottenere una specie di miracolo (Macron dà alla May solo il 5% di possibilità), visto che già due volte la Camera dei Comuni ha bocciato l’intesa e che, in caso di nuovo flop, l’Ue ha deciso un vertice straordinario prima del 12 aprile. 

SY AL GIP, "SENTIVO LE VOCI DEI BIMBI MORTI IN MARE" 
DI MAIO ATTACCA SULLA SICUREZZA, "MA NIENTE IUS SOLI"

Ha agito dopo aver sentito dalle "voci dei bambini che stavano morendo nel Mediterraneo" che gli avrebbero chiesto di fare qualcosa di "clamoroso affinché questo non accada più". Sono le parole di Ousseynou Sy, l’autista che ha sequestrato il bus con 51 ragazzini a bordo e gli ha dato fuoco, nell’interrogatorio del gip che dice di non aver visto segni di squilibrio. Anche la mamma di Adam - origini marocchine, uno dei bambini "eroi" di Crema - chiede la cittadinanza per il figlio. Tensione sulla sicurezza Di Maio-Salvini. Il primo propone il modello Usa, il secondo replica: "Mi tengo stretto quello italiano". Da entrambi no allo ius soli. Casarini indagato per la Mare Jonio.

RAGGI DOPO GLI ARRESTI A ROMA, "NON SI TORNA AL PASSATO" 
"SISTEMA PROVA A INFILTRARSI, MA REAZIONE M5S IMMEDIATA"

"Non si torna al passato. Il giorno in cui sono stata eletta in Campidoglio sapevo che il vecchio sistema, che insieme al M5S sto scardinando con ogni mia forza, avrebbe opposto ogni tipo di resistenza". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi in un posto su Facebook dopo l’arresto del presidente dell’Assemblea capitolina Marcello De Vito, del M5S. "Io ho detto no a quel sistema che però prova a ribellarsi in ogni modo. Prova ad infiltrarsi come succedeva in passato. Ma c'è una differenza: la mia reazione e quella del M5s è immediata e senza esitazioni".

DA APRILE RIDUZIONE PER QUASI 6 MILIONI DI PENSIONI
SINDACATI IN PIAZZA A GIUGNO, "GOVERNO TROPPO SORDO"

Dal primo aprile i trattamenti pensionistici superiori a tre volte il minimo (oltre i 1.522 euro al mese) avranno una rimodulazione della perequazione rispetto all’inflazione. Lo chiarisce l’Inps spiegando che gli interessati sono 5,6 milioni. Per circa 2,6 milioni la riduzione media mensile dell’importo lordo risulta di 28 centesimi. Per la Cgil, l’Inps recupererà nel 2019-21 2,2 miliardi. I sindacati annunciano manifestazione il primo giugno contro la "sordità" del governo.

BUFERA SUL GOLAN, DALL’EUROPA AGLI ARABI TUTTI CONTRO TRUMP
ERDOGAN CHIEDE CAMPAGNA CONTRO ISLAMOFOBIA DOPO CHRISTCHURCH

Tutto il mondo arabo contro Trump, dopo il riconoscimento Usa della sovranità di Israele sul Golan. Siria, Egitto, Palestina ma anche Berlino parlano di "occupazione". Il primo a esprimersi era stato il presidente turco Erdogan che, dalla riunione della Organizzazione della cooperazione islamica a Istanbul dopo la strage di Christchurch, ha anche lanciato l’idea di una campagna contro l’odio per l’Islam "come ha combattuto l’antisemitismo dopo la catastrofe dell’Olocausto".