Sei in Archivio

VIGILI URBANI

Polizia municipale, in sette per il posto da comandante. Escluso Noè

26 marzo 2019, 06:03

Polizia municipale, in sette per il posto da comandante. Escluso Noè

PIERLUIGI DALLAPINA

Il tempo è terminato: nei giorni scorsi si è chiuso il bando per la ricerca del nuovo comandante della polizia municipale. Il 16 aprile arriverà a scadenza l'incarico assegnato a Donatella Signifredi, l'attuale «capo» dei vigili e, stando alle intenzioni dell'assessore alla Sicurezza, Cristino Casa, per quella data l'amministrazione comunale spera di avere già individuato il nome del sostituto. Intanto, stanno iniziando a circolare i nomi dei candidati che hanno partecipato al bando e la notizia più curiosa è che fra questi c'è anche Gaetano Noè, l'ex comandante della polizia municipale che ha preceduto proprio la Signifredi. Peccato che nella determina pubblicata ieri sul sito del Comune l'ex comandante sia stato escluso - per un vizio di forma nella presentazione della domanda - dalla rosa degli ammessi al colloquio con la commissione incaricata di individuare il futuro numero uno dei vigili.

Al momento Noè è dipendente del Comune di Torino in qualità di dirigente del servizio aree pubbliche, mentre dal 20 dicembre 2001 al 14 marzo 2006, sempre nel capoluogo piemontese, aveva ricoperto l'incarico di vice comandante, prima di andare ad Albenga, in Liguria, dove era diventato il numero uno dei vigili. Dopo quell'incarico Noè venne a comandare la municipale di Parma dal 2 aprile 2014 al 30 ottobre 2017.

Durante questa esperienza era stato coinvolto (insieme al sindaco Federico Pizzarotti e ad altri dirigenti della Protezione civile e della Provincia) nell'inchiesta per l'alluvione del 13 ottobre 2014. L'accusa era di disastro colposo, ma nei giorni scorsi il gup Mattia Fiorentini ha dichiarato il non luogo a procedere, mettendo la parola fine alla vicenda giudiziaria.

Scorgendo l'elenco degli altri sette candidati rimasti in corsa si scopre un tratto comune ai vari curricula: tutti hanno avuto esperienze pregresse di comando in una città, perché è ciò che richiedeva il bando di mobilità esterna pubblicato dal Comune. Uno dei candidati, Roberto Riva Cambrino, ad esempio, è alla guida dei vigili di Vercelli dal 14 maggio 2014, mentre il colonnello Stefano Donati, già comandante della polizia locale di Bari dal 2005 al 2016 e, prima ancora, al vertice della caserma dei vigili di Lucca, è un altro in corsa per sostituire la Signifredi, la quale non ha partecipato al bando. Nel suo futuro professionale dovrebbe esserci il ritorno al settore Affari generali, con l'incarico di vicesegretario generale.

Nella lista delle candidature spunta anche Antonio Lotito, per 20 anni comandante della municipale di Gallarate, premiato a gennaio per l'impegno ventennale all'interno del corpo. Luigi De Ciuceis, comandante della polizia municipale di Legnago, in provincia di Verona, è un altro dei nomi in corsa, seguito da Stefania Bosio, ex comandante della municipale di Cuneo. In corsa anche il colonnello Saverio Valio, comandante della municipale di Cava de' Tirreni (Salerno) e da Emanuele Moretti, dirigente dell'XI gruppo dei vigili di Roma.

Una commissione, composta dal direttore generale del Comune, da un altro dirigente e da una figura esterna sarà incaricata di svolgere i colloqui per identificare il candidato giusto, che verrà assunto a tempo indeterminato.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal