Sei in Archivio

IL TEST

Audi e-tron, al volante del Suv elettrico

di Lorenzo Centenari -

27 marzo 2019, 11:58

Audi e-tron, al volante del Suv elettrico

MADONNA DI CAMPIGLIO - Un bel giorno guideremo elettrico, e guideremo assai veloce, nella massima comodità, con la coscienza ecologica pulita. Quel giorno è ancora lontano. A meno che non si abbiano da parte 80.000 euro e rotti e lo spirito di rinunciare a una rassicurante Audi Q8 a gasolio, scommettendo invece su un prodotto avanti un decennio come e-tron quattro, la prima Audi 100% «emission free».

Una questione di esigenze (quanti km all’anno?), di opportunità (ho infrastrutture di ricarica adatte?), in generale di visione a lungo termine. Faccia per voi, oppure ancora no, Audi e-tron è una rivoluzione come nemmeno fu Audi quattro negli anni Ottanta: si volta pagina, e non si torna indietro, perché dal Suv prenderà le mosse una intera gamma di modelli. Già in vendita a partire da 83.930 euro, e-tron è uno sport utility «big size» (4 metri e 90) assai simile nel suo aspetto proprio a Q8, l’ammiraglia della flotta Audi a combustione interna.

L’abitacolo? Un tripudio di display digitali, fra i quali anche i due mini-schermi che proiettano le immagini catturate dalle videocamere (optional da 2.200 euro) al posto dei comuni specchi retrovisori. A muovere i suoi 25 quintali di peso, due sofisticati motori elettrici a rotori in alluminio, uno collegato all’asse anteriore (184 Cv), l’altro ancor più prestante (204 Cv) a trasmettere energia all’asse posteriore, così da duplicare anche in chiave zero emissioni la proverbiale trazione integrale «quattro». Un output combinato di 408 Cv (modalità Boost), soprattutto una coppia massima di 664 Nm disponibile in 250 millisecondi: nemmeno in Formula 1.

Ne risulta che in accelerazione e-tron compete con coupé sportive di ben altra formazione (0-100 in 5”7), mentre se la velocità di punta raggiunge «solo» quota 200 km/h è esclusivamente per ragioni di sicurezza, e di equilibrio fra performance e autonomia di marcia. Già, l’autonomia. A trasmettere corrente ai due elettromotori è un pacco batterie da 36 celle agli ioni di litio, 95 kWh di capacità e tensione di 396 Volt. Sistemata sotto il pavimento, la griglia di accumulatori non sottrae spazio ad abitabilità interna e capacità di carico (660 litri). E a dispetto dei suoi 700 kg di peso, la sua minima distanza da terra contribuisce ad assestare il baricentro e la ripartizione delle masse (50:50).

Da colonnine «fast charge» da 150 kW (dove?), tempi di ricarica di poco superiori alla mezzora (80% di carica) e birra in corpo anche per 400 km (sfruttando la frenata rigenerativa), a seconda di stile di guida, caratteristiche del percorso, condizioni meteo. L’esperienza di guida è qualcosa di inedito: la potenza di un V8 turbo, la fluidità e la silenziosità di un filobus. All’estero venderà, in Italia è in anticipo sui tempi.

L’IDENTIKIT


Audi e-tron
Dimensioni lungh. 4901 mm, largh. 1935, alt. 1616, passo 2928
Bagagliaio 660/1725 litri
Power Unit 2 motori elettrici asincroni alimentati da batteria al litio da 95 kWh. Potenza 408 Cv (modalità Boost), coppia 664 Nm (modalità Boost)
Trasmissione cambio monomarcia con riduttori epicicloidali a due stadi, trazione integrale elettrica
Prestazioni vel. max. 200 km/h, 0-100 km/h in 5”7
Autonomia 417 km (ciclo Wltp)
Consumi 22,5/26,2 kWh/100 km
Emissioni CO2 0 g/km
Prezzo 83.930 euro (base), 85.430 euro (Advanced), 88.630 euro (Business)
CI PIACE
Prestazioni sportive, comfort acustico e di bordo, tecnologia all’avanguardia
NON CI PIACE
Listino prezzi elevato, autonomia inferiore al dichiarato

 

SALUTE

Alito pesante? Non è solo questione d'igiene

Spazzolino, filo interdentale, colluttori devono essere un rito fin da piccoli Ma spesso l'alitosi è sintomo di malattie che vanno indagate: gola, reni,  fegato, polmoni, come affrontare il problema