Sei in Archivio

carabinieri

Spaccio tra Sala, Felino e Collecchio: arrestato un nigeriano mentre "vende" della coca

06 aprile 2019, 12:37

Spaccio tra Sala, Felino e Collecchio: arrestato un nigeriano mentre

I Carabinieri di Sala Baganza hanno arrestato, in flagranza di reato per spaccio di sostanze stupefacenti, un uomo nigeriano 35enne, disoccupato, senza fissa dimora e pregiudicato per reati contro la persona ed il patrimonio. Da alcuni giorni, infatti, erano arrivate ai carabinieri diverse segnalazioni da parte di alcuni cittadini che avevano notato uno straniero a bordo di un’auto, una Ford Focus SW,  spostarsi in modo sospetto in paese. I controlli video hanno evidenziato che l’autovettura segnalata era solita transitare quotidianamente, tra Felino e Sala Baganza, sera e pomeriggio, pur non essendo l’intestatario residente nella provincia di Parma. Il 3 marzo, i carabinieri in borghese, dopo essersi appostati, iniziavano un pedinamento. L’uomo, a bordo dell’autovettura, dopo aver oltrepassato il comune di Sala Baganza si dirigeva verso Collecchio fermandosi all’altezza del parcheggio di una officina a Stradella. A quel punto si affiancava un’altra autovettura con all’interno un uomo. I due si scambiavano qualcosa. Questo dava il via all'intervento dei carabinieri: un’autovettura blocca l’acquirente mentre un’altra, insieme agli uomini in borghese, dopo un breve inseguimento, è riuscita a bloccare l’auto condotta dal nigeriano il quale, nel frattempo, aveva anche tentato una fuga a piedi. L’assuntore, un uomo residente a Medesano, consegnava la dose appena acquistata dall’uomo di colore e sentito in caserma confermava di essere assuntore abituale di sostanze stupefacenti e che il suo “rifornitore” corrispondeva proprio all’uomo fermato dai carabinieri. Nonostante il sequestro fosse solo di 1,05 gr. di “cocaina”, la flagranza ha permesso che scattasse l’arresto per spaccio di sostanze stupefacenti. Presto però si è scoperto che l’uomo era privo di patente, così come la sua autovettura  era sprovvista di assicurazione.
L’auto è stata posta sotto sequestro mentre il nigeriano è stato portato in camera di sicurezza in attesa del processo per direttissima. Questa mattina il giudice. ha convalidato l’arresto disponendo la custodia cautelare in carcere in attesa di giudizio.