Sei in Archivio

SCOZIA

Un viaggio tra i profumi del malto e della torba

Alla scoperta delle distillerie dove dove nasce il principe dei whisky

di Luca Pelagatti -

17 aprile 2019, 23:11

Un viaggio tra i profumi  del malto    e della torba

Prodotto in Scozia da secoli, il whisky è uno dei simboli del paese. Come le cornamuse, il mostro di Loch Ness e i kilt. Ma forse non tutti sanno che il sapore del whisky risente del luogo dove viene prodotto. E che quindi ogni zona ha la propria specificità. E che per tradizione maggio è il mese in cui viene celebrata questa bevanda. Quindi ora è il momento giusto per preparare il viaggio.
Chiamato «uisge beatha» in gaelico, che può essere tradotto come «acqua di vita», il whisky viene prodotto in oltre 120 distillerie in tutta la Scozia suddivise in 5 principali regioni produttive: Speyside, Islay, Campbeltown, Highland e Lowland. E quindi non c'è che l'imbarazzo della scelta.

SPEYSIDE
In questa regione si trovano circa 50 distillerie – un vero record anche per il paese del whisky-  la Speyside è la parte più secca e calda della Scozia, situata tra le Highlands a ovest, i terreni agricoli dell'Aberdeenshire a est e la bellezza del Cairngorms National Park a nord. Le condizioni sono perfette per la coltivazione dell'orzo, mentre l'acqua di montagna aiuta a produrre alcuni dei whisky di malto più celebri.
Sono whisky sofisticati ed eleganti che con l’età (soprattutto se maturati in botti da sherry) si evolvono, regalando al palato gradevolissimi sapori di frutta essiccata e spezie dolci.
A maggio si svolge il Malt Whisky Trail che comprende la visita a 7 distillerie attive, riunite sotto l'unica cooperativa britannica - la Speyside Cooperage - e la distilleria storica Dallas Dhu.

ISLAY
Islay è una piccola isola nelle Ebridi Interne, appena al largo della costa occidentale della Scozia, con ben 9 di-
stillerie che producono deliziosi whisky single malt. È anche sede di una delle più antiche distillerie del paese, poiché la fondazione della Distilleria Bowmore può essere fatta risalire al 1779. L'isola è coperta di torba, materiale che viene raccolto e utilizzato nel processo di distillazione per creare whisky dai caratteristici sapori affumicati.

LOWLAND
Aspettatevi toni più chiari e note floreali nel whisky nella regione delle Lowland, caratteristiche che riflettono i paesaggi ondulati della Scozia meridionale. La più accessibile delle regioni del whisky, data la facilità a raggiungerla sia da Edimburgo sia da Glasgow, è anche sede di un certo numero di nuove distillerie già attive e con altre in cantiere per una prossima apertura.

CAMPBELTOWN
Campbeltown potrebbe essere la regione di produzione di whisky più piccola della Scozia, ma tale è la qualità dei single malt creati nelle sue 3 distillerie che è considerata al pari di quelle più grandi. Aiutati dalla posizione costiera della regione - la spettacolare e remota penisola di Kintyre nell'ovest Argyll - la Springbank, le distillerie Glengyle e Glen Scotia producono tutti sapori distinti che hanno raccolto un seguito mondiale.

HIGHLANDS
Coprendo una gran parte di Scozia, la regione dei whisky delle Highlands ospita 47 distillerie, la più antica e famosa di tutte è Glenturret, sede della Famous Grouse Experience. La vasta gamma di sapori in questa regione ben riflette le coste frastagliate, i paesaggi mutevoli, le regioni montuose e le condizioni meteorologiche variabili.

L'attrazione Stirling Whisky Festival
Pronto ad accogliere distillatori da tutto il mondo, lo Stirling Highland Hotel sarà la sede dello Stirling Whisky Festival, evento che ritorna per il suo ottavo anno nel 2019 dal 10 al 12 maggio.
Le masterclass sul whisky saranno accessibili solo con determinati biglietti, consentendo ai visitatori di provare qualcosa di speciale e raro. Un'esclusiva serata di degustazione presso la Stirling Distillery venerdì 10 maggio vedrà la Scotch Malt Whisky Society presentare 6 dei propri single malt, in abbinamento con un piatto di cibo diverso per ognuno di essi


DA VEDERE

ALLA SCOPERTA  DEL DEAN VILLAGE
Edimburgo è il punto di partenza ideale per andare a esplorare ogni angolo della Scozia. E quindi anche per andare a visitare le varie distillerie e le diverse zone di produzione del whisky.
La città poi merita una visita e sono molte le cose da vedere. Ma un angolo meno noto della città che troppo pochi conoscono è il Dean Village («dene» in scozzese significa «valle profonda») a pochi minuti dal centro della città. Il ponticello sul fiume e le affascinanti case di pietra risalenti al XVII secolo creano un'atmosfera straordinaria, circondata da luoghi interessanti come il Water of Leith, la Galleria Nazionale Scozzese d’Arte Moderna o il Cimitero di Dean. Questo fu fu un luogo prospero per più di 800 anni. Nella zona vi erano undici fabbriche che lavoravano con i mulini ad acqua installati intorno al fiume Leith. Poi ci fu un periodo di crisi ma negli anni '70 ebbero inizio i lavori di riabilitazione che la trasformarono in una delle aree residenziali più ambite della città.
Il quartiere si può raggiungere comodamente a piedi partendo dal centro di Edimburgo e si trova sulle sponde del Water of Leith e passeggiare è come fare un tuffo indietro nel tempo: basta percorrere la stretta stradina di ciottoli che scende a livello del fiume, per ritrovarsi in un altro mondo. Qui si trovano le antiche case tra cui è bello passeggiare. Scoprendo come era vita in un classico villaggio della Scozia nel passato riempiendosi gli occhi con gli scorci fatti dalle casette sul fiume, che sembrano uscite da una fiaba.