Sei in Archivio

tornolo

Tabaroni in campo: «Concretezza e rinnovamento»

Il candidato sindaco è nato a Santa Maria del Taro e lavora a Chiavari

di Giorgio Camisa -

28 aprile 2019, 11:58

Tabaroni in campo: «Concretezza e rinnovamento»

«Concretezza, credibilità e trasparenza al servizio del rinnovamento»: con queste parole d'ordine Germano Tabaroni si candida sindaco di Tornolo.
Tabaroni è nato a Santa Maria del Taro il 31 luglio 1950. Pur abitando a Chiavari ha sempre mantenuto i rapporti con il paese natio, dove nella sua casa trascorrere il tempo libero. Ricco e variegato il suo percorso di vita: è cofondatore della Croce Verde di Santa Maria del Taro e del Consorzio di valorizzazione Alta Val Taro e Tarola e, a Chiavari del Melvin Jones Fellow Lions. È cavaliere della Repubblica, medaglia di bronzo del Coni e ricopre la carica di Governatore Area 4 Liguria del Panathlon International. Ha lavorato nella rete Fiat per 27 anni e successivamente è stato nominato direttore del porto turistico di Chiavari, dove è rimasto fino alla pensione. Dal gennaio 2018 è vicepresidente e amministratore delegato di Marina Chiavari Srl, società del Comune di Chiavari che gestisce il porto turistico e i circa 1.400 parcheggi cittadini a pagamento.
«Ho accettato con orgoglio di candidarmi a sindaco di Tornolo e mettere a disposizione del territorio le mie esperienze acquisite in campo amministrativo, sociale e sportivo - spiega Tabaroni -. Ho trovato una squadra motivata pronta a lavorare per il bene degli altri. È mia intenzione ascoltare le proposte e le esigenze della popolazione senza campanilismo, vagliando con equità le priorità di tutto il comune, cercando la concretezza».
Secondo Tabaroni il territorio ha bisogno di un rilancio economico, occupazionale, di strutture e servizi. «La lista è significativa - continua - perché in essa confluiscono una parte di giovani pieni di volontà e di iniziative e una parte di candidati che hanno lavorato con impegno nella precedente amministrazione. È una proposta di cambiamento, dove sia riconosciuto ciò che di positivo è stato realizzato e correggere eventuali errori».