-1°

moviola

Dignità

Dignità
Ricevi gratis le news
5

Dilettanti, dramma e delinquenti (entrambi in senso ovviamente limitato allo sport), disastro, domani....

Ci sarà da sbizzarrirsi a lungo, con i titoli incentrati sulla D. Dato atto ai cugini reggiani di avere ieri imbroccato una felice ironia (il D-day del Parma), ora si tratta di affrontare con grande serenità questo ritorno a un passato lontano ormai 45 anni. Ovvero da quel 24 maggio 1970 nel quale il Parma, vincendo 1-0 sul campo dello Snia Varedo (rete di Casini), vinse il campionato di serie D nel quale era piombato dopo il fallimento del Parma A.S. e la successiva fusione con la Parmense. 

Era impensabile, allora, il sogno che si sarebbe realizzato esattamente 20 anni dopo, raggiungendo una serie A che - cosa ancor più impensabile - ci saremmo poi goduto per un quarto di secolo, con la sola eccezione di un anno nel purgatorio della B.

Le foto e gli articoli delle raccolte della Gazzetta ci dicono quanta festa possa esserci intorno al calcio anche in serie D. Ci dicono quanto entusiasmo ci fosse in quella squadra crociata guidata in panchina da Stefano Angeleri. Ci raccontano la squadra dei "Barducci; Grulla, Piaser...", che era allora il nostro incipit quando le formazioni si imparavano ancora a memoria (Sarti, Burgnich, Facchetti.......Cudicini, Anquilletti, Schnellinger......).

Una squadra non priva di nobiltà, da Orazio Rancati (l'Orazio da Morbegno de' nobili Rancati negli articoli di colore di Corrado Corti) al libero Caleffi, elegante perfino negli sgambetti da ultimo uomo, al più grande e sfortunato campione del nostro calcio: quel Bruno Mora che dopo il gravissimo infortunio che lo tolse al Milan e alla Nazionale, quando era una delle ali destre più forti al mondo, ebbe l'umiltà di ripartire proprio dalla sua Parma per aiutare la squadra crociata in quella risalita di quarta serie.

Ma più di ogni altra, l'immagine che racconta quel Parma e la sua genuina dignità è la foto all'uscita dal campo, con il pallone della vittoria-promozione, di Ideo Bertozzi. E nel volto in bianconero del "fornaretto di San Lazzaro", c'è tutto l'orgoglio della missione compiuta da un artigiano del football che però in campo dava tutto.

Ecco: dopo gli anni dei colori scintillanti, delle coppe, delle trasferte europee, non ci dispiacerebbe se il nuovo Parma ripartisse ispirandosi a quella foto in bianconero......

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    24 Giugno @ 17.48

    Gabriele, anche se forse un poco fuori tema, io mi ricordo che, tra il '60 ed il '63, quando frequentavo il Romagnosi, prima dei rientri pomeridiani, andavo a pranzare ad un albergo ristorante, il Fontana, gestito da un salsese, come me,il signor Viro Gragnani, nei pressi del Button. Qui avevano vito ed alloggio i calciatori del Parma di allora, mi pare in serie C. Alcuni, poi, passavano, con noi, qualche tempo al Bar Colombo, in Via Farini, quello che ora si chiama Bar delle Malve. Io ricordo in particolare il portiere, un romano, che ronzava parecchio intorno alle studentesse. Tu ti ricordi chi fosse?

    Rispondi

    • 24 Giugno @ 18.47

      REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Tra '60 e '63 avevo 2/5 anni, quindi ancora seguivo i crociati....da lontano. Ma un nome che ricordo nelle figurine degli anni successivi è Recchia, che credo fosse romano. Ovviamente, a quell'età, non sapevo se ronzasse intorno alle studentesse.....

      Rispondi

      • Biffo

        25 Giugno @ 03.22

        Caspiterina, Balestrazzi, ma sei un ragazzino, al mio confronto, hai l'età dei miei primi alunni a S. Polo d'Enza, anno scolastico '68-'69. Mi sarebbe piaciuto averti in un banco , mentre spiegavo qualche faccenduola di letteratura o di storia. Magari, poi, avresti potuto scrivere un pezzo di ricordi di scuola con il prof. Biffo, come Giovanni Mosca? Ti sei perso un pezzo della Parma vera, stupenda, calorosa, dai primi anni '50 fino ai 70. Quella fatta , abbellita e gelosamente conservata dai parmigiani indigeni, non quella odierna, sconciata e demolita da innesti parassitari esogeni.

        Rispondi

  • fernand

    24 Giugno @ 08.50

    questi sono i momenti migliori che servono come allora per crescere umilta' e sacrificio serenita' e voglia di fare pochi soldi ma tanto da dare, credo comunque che il contorno non sara' lo stesso, le generazioni cambiano le pretese sono diverse purtroppo e' il periodo del tutto ad ogni costo con arroganza e maleducazione. speriamo e mi auguro che non sia cosi'

    Rispondi

  • gulliver

    23 Giugno @ 19.49

    SE E' LA "D" CHE CI AVETE DATO, NOI LA FAREMO DIVENTARE LA PIU' BELLA "D" DEL MONDO!!!!!!!!! DIGNITA' AD OGNI COSTO SEMPRE E COMUNQUE!!!!!! SIAM PARMIGIANI!!!!!!!! GRAZIE GABRIELE ARTICOLO COME SEMPRE TOCCANTE E DEGNO DI PARMA. ABBONAMENTO SUBITO!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola deifamosi

Ghezzal quando giocava nel Parma (foto d'archivio)

Canale 5

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola dei famosi

Ecco le nomination per gli Oscar 2019: dieci per La Favorita e Roma.

Cinema

Ecco le nomination per gli Oscar 2019: dieci per La Favorita e Roma

Quasi 6 mln e 21.9% per 1/a parte Adrian

ASCOLTI TV

Quando c'è il Molleggiato in scena quasi 6 milioni di spettatori per "Adrian"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Oltrepò Pavese Metodo Classico. Rosé Cruasé, il top di Rebollini

IL VINO

Oltrepò Pavese Metodo Classico. Rosé Cruasé, il top di Rebollini

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Sorpreso a spacciare in stazione e arrestato (dopo colluttazione)

carabinieri

Sorpreso a spacciare in stazione e arrestato (dopo colluttazione)

bardi

Fiamme in un'abitazione: due intossicati da fumo e casa parzialmente inagibile Foto Video

MALTRATTAMENTI

Nasce la figlia e lui diventa violento: condannato

SPACCIO

Due anni e mezzo allo studente che teneva in casa quasi 2 chili di marijuana

fidenza

Violenza sessuale sulla figlia dell'ex compagna: operaio finisce in carcere

incidente

Eia, tamponamento nella notte: due feriti

Romagnosi

«La mia civetta? Un simbolo dell'antica Grecia»

BALI LAWAL

Da top model a mediatrice culturale: «Insegno ai giovani ad essere liberi»

Borgotaro

È morto Marco Terroni, il prof cercatore di funghi

BERCETO

Addio al consigliere comunale Roberto Ablondi

LUTTO

Maria Gorreri stroncata da una malattia rarissima a 60 anni

Teatro Due

RezzaMastrella, l'adrenalina in scena

immigrazione

"Caso Cara", Pizzarotti: "Pagina nera del governo"

1commento

bedonia

Scopre il ladro in casa, lo insegue e lo riconosce: arrestato un giovane del paese Video

Parma

Minacce, insulti e tensione alla biglietteria della stazione: denunciata una 25enne

legambiente

Brescia, Lodi e Monza le città più inquinate. Parma seconda in Emilia: "Si respira smog un giorno su tre"

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Da Cagliari è salpato il partito del non voto

di Vittorio Testa

2commenti

LA BACHECA

Ecco 78 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

medio oriente

Siria, alcune fonti: 600 corpi trovati in una fossa comune a Raqqa

carabinieri

Furgone distrutto dalle fiamme a Calerno: ipotesi dolo

SPORT

calciomercato

E' fatta, Piatek va al Milan (per 40 milioni)

arbitri

Nicchi: "Var, i tifosi tranne pochi scemi sono meglio di addetti ai lavori"

SOCIETA'

WASHINGTON

Le cascate del Niagara ghiacciate Video

ristoranti stellati

Chef italiano festeggia la terza stella Michelin in Francia

MOTORI

MOTORI

Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde

ANTEPRIMA

Toyota, il nuovo Rav4 arriva a marzo