11°

21°

Blog

1915, dal football alle trincee

Storia di un campionato di calcio mai concluso

1915, dal football alle trincee
Ricevi gratis le news
0

Certe ricorrenze non lasciano indifferenti. A distanza di un secolo dalla Grande Guerra si susseguono le pubblicazioni e i ricordi, di vario genere e di diverso tenore. Una commemorazione che dura da tempo, e che probabilmente proseguirà fino al 2018. Tra le tante che si potrebbero citare, c'è però una pubblicazione che mi ha colpito in modo particolare, visto che pone l'accento su un aspetto tralasciato e quasi sconosciuto di quella storia. Un aspetto che si lega alla storia sportiva del nostro paese, e ricostruisce le vicende di un campionato di calcio un po' particolare, l'unico a venire sospeso, per evidenti ragioni, nel 1915.
Un libro fatto di sport e vicende belliche e diplomatiche, in un intreccio inscindibile.

Il libro in questione è “1915, dal football alle trincee” di Alessandro Bassi (Bradipo Libri editore, 2015). L'autore, nato a Reggio Emilia nel 1973, ha già pubblicato diversi volumi, tra cui “Il football dei pionieri. Storia del campionato di calcio in Italia dalle origini alla I Guerra mondiale”

Nella prima pagina scrive: “Volevo scrivere un libro strano, non convenzionale. Un libro che mettesse in una stessa pagina la storia 'alta' con la storia 'altra'. Un libro che raccontasse anche di come il calcio italiano e il Paese intero siano andati in guerra, tra stati d'animo e aspettative molto differenti in quell'anno fatidico di neutralità e di incessanti trattative su più tavoli”.

L'attentato di Sarajevo del 28 giugno 1914, in cui un attentatore serbo di nome Gavrilo Princip uccideva l'arciduca Francesco Ferdinando e la moglie, avrebbe portato ben presto tragiche conseguenze, precipitando gran parte dell'Europa nell'abisso della guerra. In Italia, nei primi tempi, la vita proseguì normalmente. Il nostro paese era rimasto neutrale e, per quanto il dibattito tra interventisti e neutralisti infiammasse gli animi, avvitandosi in una spirale che ci avrebbe portato alla dichiarazione di guerra all'Austria del maggio 1915, quella realtà appariva ancora lontana.

Il nostro paese godeva ancora, seppure per poco, di una relativa tranquillità. E la vita andava avanti, e anche l'attività sportiva sembrava non risentirne. Anche allora si giocava il campionato di calcio, anche se era ben diverso da quello che conosciamo oggi. E' quello che oggi possiamo definire il calcio dei pionieri e se alcune squadre hanno nomi che conosciamo bene, come Juventus, Internazionale o Genoa, altre oggi sono scomparse, come Andrea Doria, Vigor, Casale (che era campione in carica). Regole farraginose garantivano la regolarità del torneo: le squadre erano suddivise in 6 gironi da 6 squadre ciascuno, assemblate sulla base delle regioni di provenienza. Al termine delle eliminatorie, le migliori due di ciascun girone e le quattro migliori terze formavano i quattro gironi di semifinale. Le vincenti di questi quattro gironi avrebbero formato il girone finale, da cui poi sarebbe uscita la vincitrice del campionato.

Un campionato che, però, resterà senza vincitori né vinti perchè il 21 maggio 1915 gli eventi precipitarono e pochi giorni dopo, il 23 maggio, l'Italia giunse alla dichiarazione di guerra all'Austria-Ungheria. Il giorno dopo, 24 maggio, la F.I.G.C. diramava questo comunicato: “In seguito alla mobilitazione generale la Direzione della F.I.G.C. ha sospeso gli incontri che ancora devono aver luogo a Genova, Milano, Roma, Pisa”. In quel momento, prima in classifica nel girone settentrionale era il Genoa, mentre nel girone dell'Italia centrale era la Lazio.

Ma ormai i problemi da affrontare erano ben altri. Moltissimi furono i calciatori che partirono per il fronte e Lo Sport Illustrato, che dal 10 giugno 1915 cambiò la testata in Lo Sport Illustrato e la Guerra, volle onorarli pubblicando le foto di tutti gli sportivi, non solo calciatori, che partirono.

In quei giorni si levarono molte voci che volevano l'assegnazione dello scudetto al Genoa, visto il valore e la qualità di quella squadra. Non tutti, tuttavia, erano d'accordo, e tra questi vi era una voce autorevole come quella di Emilio Colombo, che riteneva che sarebbe stato opportuno vedere il responso del campo.

Come andò a finire, poi, lasciamolo alle parole dell'autore del libro, Alessandro Bassi: “Nel 1919, a guerra terminata, il titolo venne assegnato d'ufficio al Genoa, ma ormai erano un'Italia e un calcio diversi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Meghan e Harry aspettano un figlio: il royal baby nascerà nel 2019

LONDRA

Meghan e Harry aspettano un figlio. Nome già quotato dai bookmaker: Diana in testa

1commento

Stereo, pattini e maglietta: Giulia Guasti interpreta gli anni '80 negli scatti di Fabrizio Effedueotto

fotografia

Stereo, pattini e maglietta: Giulia Guasti interpreta gli anni '80 Foto

Sabato latino al New York: ecco chi c'era - Foto

GAZZAREPORTER

Sabato latino al New York: ecco chi c'era - Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Ristorante Mora» Un classico della cucina parmigiana

CHICHIBIO

«Ristorante Mora» Un classico della cucina parmigiana

di Chichibio

3commenti

Lealtrenotizie

Maxi furto all'ospedale di Vaio, rubati macchinari per 300mila euro

FIDENZA

Maxi furto all'ospedale di Vaio: rubati macchinari per 300mila euro Video

1commento

CONSIGLIO

Non verrà data la sala civica a Forza Nuova: la domanda non è stata accettata dal Comune

PARMA

Mascherati su un'auto al Barilla Center: la polizia intercetta 4 giovani. "Era uno scherzo"

Si tratta di un gruppo di ventenni che volevano fare uno scherzo. I giovani sono stati redarguiti dagli agenti

Gazzareporter

Auto si "gira" in Tangenziale Sud nel primo pomeriggio: incidente o contromano?

Via Spezia

La storica Salumeria Zannoni ha chiuso: ha preparato pacchi natalizi per tutto il mondo

6commenti

parma

Dimarco, operazione riuscita: "Tornerò più forte di prima"

PARMA

Da oggi si può accendere il riscaldamento. Smog: pm10 sempre alte Video

5commenti

MASSESE

Dopo lo schianto più controlli per chi guida e ha bevuto, ma l'emergenza resta

2commenti

Fidenza

Addio a Claudia Servini, elegante «stilista» borghigiana

sport

I 5mila della Parma Marathon: sorrisi, sudore e sfida attraversano la città Foto 1- 2

2commenti

giornate Fai

Che successo!Tutti in (lunga) coda per ammirare la Certosa Gallery

PARMA

Una 19enne cerca di rubare abbigliamento: scoperta e inseguita, la polizia la denuncia

2commenti

Soragna

Addio all'orefice Luigino Gandini

PARMENSE

Traversetolo: stop ai bus in centro storico. Parla il sindaco

4commenti

VALERIE LESTER

Da Boston a Parma per scrivere un libro su Bodoni

ELEZIONI PROVINCIALI

Diego Rossi, il candidato unico: «Priorità a ponti, strade e scuole»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'esempio di Ilaria Cucchi Donna ostinata sorella di tutti

di Filiberto Molossi

4commenti

L'ESPERTO

Lavoro all'estero: evitare le doppie imposizioni

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

Brescia

Un'auto piomba sui tavolini: muore una donna travolta

Germania

Retata per sospetta frode diesel: richiamati 100.000 veicoli Opel

SPORT

mondiali pallavolo

Decima vittoria consecutiva per le azzurre: battuto il Giappone, Italia in semifinale

NATIONS LEAGUE

Biraghi al 93' salva l'Italia: Polonia battuta, niente "serie B"

SOCIETA'

musica

Michael Bublé, in arrivo un nuovo album. E annuncia il ritiro

MONTAGNA

Calestano celebra il tartufo. E la première fa il tutto esaurito Le foto Le foto

MOTORI

MOTO

Comparativa maxi enduro 21″ – Honda Africa Twin

GLAMOUR

Lapo Elkann firma Renault Captur Tokyo Edition