-5°

Bazzano: magia di presepi e accoglienza

Bazzano: magia di presepi e accoglienza
Ricevi gratis le news
1

C’è ancora poco tempo, ma ne vale la pena. La magia, questa volta, è davvero dietro casa. Se tra oggi e domani avete un paio d’ore, spendetele a Bazzano per un giro tra i 211 presepi realizzati dagli abitanti di questo piccolo paese del nostro Appennino. Sarà una boccata d’aria buona: non solo per i polmoni, ma anche per lo spirito. Io ci sono andato sabato, in ottima compagnia; erano anni che avrei voluto farlo, ma l’indolenza delle feste ha sempre preso il sopravvento. Quest’anno mi sono deciso, ed è stata una bella sorpresa. Avevo letto che si consigliava la visita col buio, e così ho fatto. Ora quello stesso consiglio è il mio.

Sabato sera, a Bazzano, c’era una nebbia densa, bassa, come non ne veniva da anni. Non si vedeva a un metro. C’era solo lì, perché in città, e fino a Traversetolo, nemmeno l’ombra. E neanche poco più in su. Ho subito pensato di non aver scelto il giorno ideale, invece mi sbagliavo. Già avvicinandosi al paese, attraversando le prime frazioni, dalla nebbia e dall’oscurità riaffiorano le prime natività: giochi di luci e di fantasia che come una stella cometa indicano la direzione. Si arriva poi in piazza, dove c’è una casetta di legno con una luce accesa; dentro, la mappa dei presepi, qualche informazione, un libro dei pensieri e la cassetta per le offerte. Già qui, ti riappacifichi con le cose belle del mondo; sarebbe un attimo portare via quella manciata di monete, eppure nessuno lo fa, pur non essendoci alcun controllo. È una cosa della comunità, di tutti, senza che ci sia scritto da nessuna parte. Non è scontato, in un tempo dove si ammazza per pochi euro e si tiene tutto, talvolta anche se stessi, sotto chiave.

Inizia il viaggio, a piedi, tra le tante natività. La passeggiata è guidata dalle luci dei presepi. Ogni volta che ne spunta uno dalla nebbia e dal buio, sembra la nascita di un’emozione nuova da scoprire. Gli allestimenti sono vari: tradizionali e rivisitati in chiave moderna, grandi e piccoli, realizzati da mani esperte, da veri artigiani o semplicemente da bambini fantasiosi. Sono tutti belli, nel loro essere unici. Poi ci sono quelli che ti dicono qualcosa in più. Tutti, però, superano il messaggio cristiano. Anche un ateo, o chi crede in un altro Dio, rimarrebbe estasiato di fronte a questo paesino che diventa la casa di centinaia di presepi, di migliaia di luci, di un grande messaggio di pace e accoglienza. È la casa di tutti, non solo in senso figurato. Alcune natività sono a casa della gente; è bello sapere di poter entrare in un cortile privato, senza dover chiedere permesso, perché sai di essere il benvenuto. È bello vedere un cancello aperto e un presepe, di fianco alla cuccia del cane. È bello sapere che qualcuno ti apre la porta di casa sua senza nemmeno guardarti in faccia, perché si fida di te. Senza allarmi o telecamere. Ti senti di condividere uno stesso mondo, ti senti che la paura e rassegnazione sono lontane, ti convinci ancora una volta che bisogna aprire e non chiudere. Abbassare le barriere e non alzarle.

Ognuno, a Bazzano, ma anche nelle piccole frazioni che lo circondano, ha realizzato un presepe secondo la propria fantasia, bravura e possibilità. C’è quello fatto tutto di pane, del panificio; quello di pasta, di fronte all’alimentari. Oppure quello dove bue, asinello, Maria e Giuseppe sono piccole moto giocattolo – non ricordo, ma forse anche Gesù bambino -: è la natività, e creatività, del Motoclub Bazzano.

C’è spazio per il mainstream, con il presepe dei Minions fatto da, e per, i bambini. La simbologia canonica cristiana e l’inconografia classica di una natività si perdono ma non perdono valore, perché si ricongiungono e si riconoscono nel sorriso e nell’abbraccio che queste piccole opere d’arte sanno regalare. C’è anche chi ha messo a disposizione una legnaia, vi ha accesso una luce, messo una poltrona e scritto “Ufficio di Babbo Natale”. Lì, che è sempre casa di qualcuno, ci si può sedere, riposarsi un po’ e scrivere una lettera a Santa Claus. Un desiderio, un sogno.

Il presepe più bello - perché ognuno, lasciato Bazzano, avrà il suo presepe preferito - per me è quello che c’è in via Costa, poco dopo il bar. Lo potete vedere nella foto, che sicuramente non è all’altezza. Ci sono due terre, un mare in mezzo, due bottiglie galleggianti che rappresentano barche; sotto c’è il fondale, con dei bambini. In quelle bottiglie, persone. E un messaggio, che l’autore riporta sopra il presepe: “Noi tutti siamo l’Umanità; nostro dovere primario è salvaguardare la Speranza di ogni singolo individuo”. Un messaggio di ieri, di oggi, di sempre. E non solo cristiano, ma umano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Anto

    06 Gennaio @ 20.52

    Bell'articolo davvero. Complimenti!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ballerina   di burlesque e mamma? Si può!

INTERVISTA

Ballerina di burlesque e mamma? Si può!

Ricordate Baby di Dirty Dancing? Tornerà in Grey's Anatomy 15

TELEVISIONE

Ricordate Baby di Dirty Dancing? Tornerà in Grey's Anatomy 15

X-Factor, Anastasio vince la dodicesima edizione

televisione

X-Factor, Anastasio vince la dodicesima edizione

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Quando l'accettazione dell'eredità è tacita o espressa

L'ESPERTO

L'accettazione dell'eredità. Tacita o espressa

di Arturo Dalla Tana*

Lealtrenotizie

Il gestore della palestra si insospettisce: incastrato il ladro seriale degli spogliatoi

carabinieri

Il gestore della palestra si insospettisce: incastrato il ladro seriale degli spogliatoi

incidenti

Due auto fuori strada a pochi minuti di distanza: due feriti, uno è grave

vincita

La dea bendata fa una super tappa in via Monsignor Colli: "grattati" 500.000 euro

Formaggio

Un «regalo» al Padano danneggia il Parmigiano Reggiano

1commento

weekend

Presepi che si accendono e il Natale che invade i borghi: l'agenda del sabato

I consigli

I carabinieri ai cittadini: «Se vedete qualcosa di sospetto, telefonate»

Anolini

Le ricette dei cuochi e dei critici e l'eterna sfida: con o senza stracotto?

LUTTO

Addio a Ettorina Campanini, una vita per gli studenti

verso il voto

Fidenza, il centrodestra annuncia: "Uniti alle elezioni amministrative"

Solidarietà

Il dono per le nozze d'oro? Una scuola in Sierra Leone

salute

Legionella: altri 5 casi sospetti. Il numero sale a 19

UNIMPIEGO

Le offerte di lavoro crescono del 20%

SALSO

Terme ai privati, ultimo atto: sono ufficialmente di Tst srl

Collecchio

Sfondano il finestrino e rubano il computer

traversetolo

Rifiuti abbandonati: il sindaco scopre il responsabile

METEO

Il maltempo si sposta a Sud, domenica attesa la neve in pianura al Nord (Parma compresa)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Cherif Chekatt, un criminale diventato terrorista

di Paolo Ferrandi

NATALE

Due mesi di Gazzetta digitale con lo sconto del 50%

ITALIA/MONDO

Legnano

Mezzo dei vigili del fuoco contro un'auto: sei feriti

palermo

Uccide il marito a coltellate mentre dorme

SPORT

lucca

Mario Cipollini a processo: è accusato di lesioni alla sorella

festa

Parma calcio, buon Natale con gli sponsor (tifosi) Foto

SOCIETA'

CURIOSITA'

La cometa di Natale oggi "sfiorerà'' la Terra: tutti a naso all’insù

MUSICA

Laura Pausini è prima nella hit parade: "Grazie Italia mia"

MOTORI

SUV

Audi Q3, 5 stelle (e 4 nuovi motori)

IL TEST

Honda CR-V diventa ibrida E cambia le regole