22°

32°

Bazzano: magia di presepi e accoglienza

Bazzano: magia di presepi e accoglienza
Ricevi gratis le news
1

C’è ancora poco tempo, ma ne vale la pena. La magia, questa volta, è davvero dietro casa. Se tra oggi e domani avete un paio d’ore, spendetele a Bazzano per un giro tra i 211 presepi realizzati dagli abitanti di questo piccolo paese del nostro Appennino. Sarà una boccata d’aria buona: non solo per i polmoni, ma anche per lo spirito. Io ci sono andato sabato, in ottima compagnia; erano anni che avrei voluto farlo, ma l’indolenza delle feste ha sempre preso il sopravvento. Quest’anno mi sono deciso, ed è stata una bella sorpresa. Avevo letto che si consigliava la visita col buio, e così ho fatto. Ora quello stesso consiglio è il mio.

Sabato sera, a Bazzano, c’era una nebbia densa, bassa, come non ne veniva da anni. Non si vedeva a un metro. C’era solo lì, perché in città, e fino a Traversetolo, nemmeno l’ombra. E neanche poco più in su. Ho subito pensato di non aver scelto il giorno ideale, invece mi sbagliavo. Già avvicinandosi al paese, attraversando le prime frazioni, dalla nebbia e dall’oscurità riaffiorano le prime natività: giochi di luci e di fantasia che come una stella cometa indicano la direzione. Si arriva poi in piazza, dove c’è una casetta di legno con una luce accesa; dentro, la mappa dei presepi, qualche informazione, un libro dei pensieri e la cassetta per le offerte. Già qui, ti riappacifichi con le cose belle del mondo; sarebbe un attimo portare via quella manciata di monete, eppure nessuno lo fa, pur non essendoci alcun controllo. È una cosa della comunità, di tutti, senza che ci sia scritto da nessuna parte. Non è scontato, in un tempo dove si ammazza per pochi euro e si tiene tutto, talvolta anche se stessi, sotto chiave.

Inizia il viaggio, a piedi, tra le tante natività. La passeggiata è guidata dalle luci dei presepi. Ogni volta che ne spunta uno dalla nebbia e dal buio, sembra la nascita di un’emozione nuova da scoprire. Gli allestimenti sono vari: tradizionali e rivisitati in chiave moderna, grandi e piccoli, realizzati da mani esperte, da veri artigiani o semplicemente da bambini fantasiosi. Sono tutti belli, nel loro essere unici. Poi ci sono quelli che ti dicono qualcosa in più. Tutti, però, superano il messaggio cristiano. Anche un ateo, o chi crede in un altro Dio, rimarrebbe estasiato di fronte a questo paesino che diventa la casa di centinaia di presepi, di migliaia di luci, di un grande messaggio di pace e accoglienza. È la casa di tutti, non solo in senso figurato. Alcune natività sono a casa della gente; è bello sapere di poter entrare in un cortile privato, senza dover chiedere permesso, perché sai di essere il benvenuto. È bello vedere un cancello aperto e un presepe, di fianco alla cuccia del cane. È bello sapere che qualcuno ti apre la porta di casa sua senza nemmeno guardarti in faccia, perché si fida di te. Senza allarmi o telecamere. Ti senti di condividere uno stesso mondo, ti senti che la paura e rassegnazione sono lontane, ti convinci ancora una volta che bisogna aprire e non chiudere. Abbassare le barriere e non alzarle.

Ognuno, a Bazzano, ma anche nelle piccole frazioni che lo circondano, ha realizzato un presepe secondo la propria fantasia, bravura e possibilità. C’è quello fatto tutto di pane, del panificio; quello di pasta, di fronte all’alimentari. Oppure quello dove bue, asinello, Maria e Giuseppe sono piccole moto giocattolo – non ricordo, ma forse anche Gesù bambino -: è la natività, e creatività, del Motoclub Bazzano.

C’è spazio per il mainstream, con il presepe dei Minions fatto da, e per, i bambini. La simbologia canonica cristiana e l’inconografia classica di una natività si perdono ma non perdono valore, perché si ricongiungono e si riconoscono nel sorriso e nell’abbraccio che queste piccole opere d’arte sanno regalare. C’è anche chi ha messo a disposizione una legnaia, vi ha accesso una luce, messo una poltrona e scritto “Ufficio di Babbo Natale”. Lì, che è sempre casa di qualcuno, ci si può sedere, riposarsi un po’ e scrivere una lettera a Santa Claus. Un desiderio, un sogno.

Il presepe più bello - perché ognuno, lasciato Bazzano, avrà il suo presepe preferito - per me è quello che c’è in via Costa, poco dopo il bar. Lo potete vedere nella foto, che sicuramente non è all’altezza. Ci sono due terre, un mare in mezzo, due bottiglie galleggianti che rappresentano barche; sotto c’è il fondale, con dei bambini. In quelle bottiglie, persone. E un messaggio, che l’autore riporta sopra il presepe: “Noi tutti siamo l’Umanità; nostro dovere primario è salvaguardare la Speranza di ogni singolo individuo”. Un messaggio di ieri, di oggi, di sempre. E non solo cristiano, ma umano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Anto

    06 Gennaio @ 20.52

    Bell'articolo davvero. Complimenti!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento, mai avuto rapporti sessuali con Bennett

il caso

Asia Argento: "Mai avuto rapporti sessuali con Bennett. E' una persecuzione". Ma il NYT conferma tutto

1commento

Flop al botteghino per Kevin Spacey

Spettacolo

Flop al botteghino per Kevin Spacey

1commento

Scarlett Johansson è l'attrice più  pagata  del 2018 secondo Forbes

CINEMA

Scarlett Johansson è l'attrice più pagata del 2018 secondo Forbes Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Far ricrescere i capelli si può, nuova tecnica tutta italiana

Foto d'archivio

SALUTE

Far ricrescere i capelli si può: nuova tecnica tutta italiana

Lealtrenotizie

Lacrime e applausi al funerale di Mirko Vicini. E il cugino fa riascoltare la sua voce Foto

GENOVA

Lacrime e applausi al funerale di Mirko Vicini. E il cugino fa riascoltare la sua voce Foto

carabinieri

Arrestato l'autore della rapina violenta in borgo XX Marzo: tradito da impronta digitale Video

12 tg parma

Via San Leonardo, controlli a tappeto di polizia e municipale Video

Identificate decine di persone

1commento

Via Casa Bianca

In strada sanguinante: «Pestata dal patrigno»

Anteprima Gazzetta

Spaccio in tangenziale? Controlli nella zona del ponte De Gasperi

roccabianca

Incornato da un toro: grave un agricoltore

terremoto

Doppia scossa nel Reggiano, la più forte di 3.7: anche Parma trema. I lettori: "Svegliati da un boato"

6commenti

fidenza

Schianto tra auto e furgone in A1: tre feriti, una 34enne in Rianimazione Video

Il dramma di Martorano

Anche Lesignano ricorda di Elisa Baldi

IL RICORDO DELLA FOCHI

Le sue miss: «Mirka? Era la guerriera della bellezza»

12tgparma

La casa più green del mondo è targata Parma

Primo premio in Cina per Lucia Filippini, architetta parmigiana

FIDENZA

Prende la compagna per il collo: arrestato un 25enne

polizia

Biciclette ritrovate: di chi sono? Foto

BUSSETO

Caffarra, addio a una colonna del volontariato

Strada Cairoli

La rastrelliera? Self service per i ladri di bici

3commenti

sociale

Qui Parma: il servizio civile raccontato da... chi lo fa Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dramma di Genova e la dittatura dell'istante

di Paolo Ferrandi

1commento

EDITORIALE

Basta bufale. Pretendiamo la verità. A tutti i costi

di Filiberto Molossi

3commenti

ITALIA/MONDO

Marina di Carrara

Un portuale muore schiacciato dal carrello elevatore

cosenza

Travolti dalla piena, il soccorritore: "Non scorderò mai la mano della bimba salvata"

SPORT

12 tg parma

Parma al lavoro a Collecchio, c'è anche Gervinho Video

12tgparma

Indice di sportività nelle città italiane: Parma è tredicesima Video

2commenti

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Sei micini salvati in un buco cercano casa

BUENOS AIRES

E' morta Maria Mariani, la fondatrice delle Nonne di Plaza de Mayo

ESTATE

PALERMO

Si scatena con la ballerina... ma arriva la moglie Video

ROMA

Selfie al mare di Toninelli, scoppia subito la polemica

2commenti