12°

19°

Marco Calamai: il calamaio della felicità

Marco Calamai

Marco Calamai

Ricevi gratis le news
0

Lui è Marco Calamai. Ma chiamatelo calamaio, perché col suo inchiostro ti macchia in maniera indelebile; sei però sempre tu a decidere se immergere la penna oppure no. Immergiamola con le foto che vedete sotto.


Ci sono però cose che le foto non dicono sul weekend magico che ho avuto la fortuna di trascorrere a Cesenatico, all'Eurocamp, due settimane fa. C'erano 160 ragazzi da varie parti d'Italia, tra autistici, con sindrome di Down e altre disabilità che chiamano intellettive e relazionali, ma solo perché il vocabolario, in questi casi, frega sempre. A Cesenatico, per tre giorni, si è giocato a pallacanestro. Vera: pallone, passaggi, tiri e canestri. Tutto secondo il “Metodo Calamai”, inventato dall'allenatore che per primo diede fiducia al fenomeno Gianmarco Pozzecco, nel '93-'94, in A1, a Livorno. L'allenatore, classe '51, dopo 60 partite da giocatore e 365 da allenatore in serie A, stufo della pallacanestro di vertice, sempre più lontana da valori e passione, si è trasformato da Calamai a calamaio per andare a imbrattare di inchiostro le persone, facendo alleviare il disagio mentale di ragazzi disabili con la pallacanestro. Ma l'inchiostro è come un virus: il disagio che viene alleviato è quello di tutti. “Contaminare” è una delle parole d'ordine del suo metodo ed è quello che succede. Le regole del metodo Calamai sono tre: ogni persona, anche disabile, ha più qualità che limiti e su quelli bisogna lavorare; il gioco è un piacere, un diritto; passarsi la palla è l'inizio di un dialogo, di una relazione.


Ora immaginatevi l'Eurocamp: una vecchia colonia messa a nuovo una ventina d'anni fa e trasformata in un centro sportivo con campi da gioco sulla spiaggia. E una spiaggia, con tanto di ombrelloni e lettini a disposizione di tutti. Ecco, già questa è dignità: perché per questi ragazzi c'è una struttura bella, moderna, piena di sole, vicino al mare, con strutture attrezzate. Alla sera, sabato, pure la discoteca, quella del divertimento vero, senza aiutini, grazie alla semplicità del ballare insieme.


Poi ci sono gli allenamenti, dove vedi ragazzi con disabilità diverse tutti insieme. Nessuno si lamenta perché ha più capacità di altri; nessuno si sente superiore, anche se magari ha qualche mezzo o strumento in più. Dentro, un mondo di relazioni fortissime, anche con chi non parla, perché ha una forma di autismo non verbale. Ma a gesti e sorrisi si fa capire benissimo. Qui, in questo frullatore di emozioni nuove, sorprendenti e senza fine, prendono vita situazioni che nelle relazioni tra cosiddetti normododati sono rare, dimenticate. Ci sono i “ti voglio bene” con abbracci improvvisi, il “come stai?” che attende la risposta perché è davvero interessato. Capricci e musi lunghi, mai. Stando con questi ragazzi riscopri la naturalezza dei complimenti (“Sei bella”, “sei simpatica”) e delle domande che nemmeno da grandi devono fare paura (“Perché lui non parla?”, chiede un ragazzo al papà di un bimbo autistico). Si riscopre il senso di un abbraccio improvviso, senza chiedere permesso, anche se ci conosce da dieci minuti. Perché non si dovrebbe fare? Dove c'è scritto che non si può? È così inopportuno? È più facile provare imbarazzo. Miracoli dello sport e di questi ragazzi, che grazie alla palla a spicchi trovano respiro lungo e potente, sorriso largo. Carlo, il primo giorno, se ne stava per i fatti suoi, non aveva nemmeno voglia di palleggiare. Poche ore dopo era era tutto un brivido di emozione con la palla in mano, insieme a tutti gli altri. Scopri persone speciali, ognuno con la sua originalità, che è anche la tua: “Che faccia strana che fai, mi fai troppo ridere”, ti dicono. Detto da chi inanella una smorfia buffissima dopo l'altra, da chi conosce a memoria il mappamondo, da chi si scola il contenuto di qualunque bicchiere si trovi sottomano, da chi ci mette ore per mangiare qualsiasi cosa perso nei propri pensieri, da chi vuole sapere a tutti i costi che modello di autoradio ha la tua macchina.


A stare con questi ragazzi si impara che ognuno ha le sue manie e basterebbe riderci su. Tra questi ragazzi c'erano anche sette atleti di San Secondo: Andy, Franci, Big Giò, Little Giò, Dimi, Leo e Jimmy. Sono i ragazzi del “5 Alto”, un progetto di basket ideato, voluto e portato avanti da Tiziana Dodi e sposato dal Basket San Secondo. Una realtà stupenda. Che insegna tanto. Ne prendiamo uno per tutti: Franci, quando è felice, sorride e salta di gioia come un grillo. Allora, delle due l'una: o non esiste la felicità, o non sappiamo essere felici. A meno che non intingiamo la nostra penna in questo bellissimo calamaio di verità, per imparare da questi ragazzi ad essere semplici, veri e felici.

FOTO (di Luca Gribaldo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Miguel Bosé e il compagno si separano: separata anche la custodia dei figli

gossip

Miguel Bosé e il compagno si separano: separata anche la custodia dei figli

Stereo, pattini e maglietta: Giulia Guasti interpreta gli anni '80 negli scatti di Fabrizio Effedueotto

fotografia

Stereo, pattini e maglietta: Giulia Guasti interpreta gli anni '80 Foto

Sabato latino al New York: ecco chi c'era - Foto

GAZZAREPORTER

Sabato latino al New York: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Escursioni in montagna: Cairn, un aiuto dalla tecnologia

HI-TECH

Escursioni in montagna: Cairn, un aiuto dalla tecnologia

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

"Dati falsificati o inventati": Harvard chiede il ritiro di 31 studi del parmigiano Anversa

il caso

"Dati falsificati o inventati": Harvard chiede il ritiro di 31 studi del parmigiano Anversa

università

Il governo cancella "non subito" il numero chiuso a Medicina. L'Ordine: "Ci ripensi". I rettori: "Un equivoco" I numeri

12Tg Parma

Sedici pattuglie per una notte di controlli straordinari: si ripeterà ogni settimana Video

Furto

Blitz dei ladri ai Corrieri: portata via la cassaforte

4commenti

serie A

Parma-Lazio, Inglese c'è. Gervinho più no che sì

ausl

Salute mentale e dipendenze patologiche: numeri in aumento

12Tg Parma

Inquinamento e meteo, ennesima giornata nera per Parma Video

premio

Lirica e Hip Hop, il rap "canta" Verdi: successo e ritmo al Regio Gallery

CASO CONQUIBUS

Aversa è ai domiciliari, ma alcuni colleghi vorrebbero una sua consulenza

1commento

12Tg Parma

Riciclaggio di denaro, a Parma boom di segnalazioni Video

Coldiretti

Morto Ettore Picchi, il «paladino» degli agricoltori

governo

Approvata la manovra 2019. Esteso lo stato d'emergenza per i danni da maltempo 2017 a Parma

1commento

12Tg Parma

Parma, Gervinho ancora out. D'Aversa: "La salvezza resta l'obiettivo" Video

INTERVISTA

"Sui social parliamo di libri". E l'insegnante di Borgotaro diventa... un cruciverba Video

Intervista a Massimo Beccarelli, insegnante sempre più impegnato con gli hashtag culturali.

ieri sera

Incidente in tangenziale a Collecchio: un ferito al Maggiore

Lutto a Ozzano

Muore il giorno dopo il compleanno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Non si può pensare solo agli impegni elettorali

di Domenico Cacopardo

WORLD CAT

Ecco la Top10 dei gatti più votati. Mandate le vostre foto

ITALIA/MONDO

Lutto nella moda

E' morto Mario Bandiera, fondò la griffe Les Copains. Aveva 87 anni

il caso

Migranti "scaricati" in Italia, la Francia ammette: "Un errore, gendarmi nuovi"

SPORT

sport

Conosciamo Alessandro Magnani, un parmigiano ai Mondiali juniores di judo Video

volley

Mondiali donne; primo ko (irrilevante) dell'Italia, la Serbia vince 3-1

SOCIETA'

la prova del cuoco

Parizzi su RaiUno per proporre un risotto dai sapori...verdiani

SPETTACOLI

Torna "Velluto Rosso", tutto il teatro di Parma e provincia Video

MOTORI

NOVITA'

Nuova Kia Ceed: 5 porte e wagon lanciano la sfida

moto

Suzuki Katana, il ritorno