11°

22°

Rap-iti

Rap-iti

In coda per autografi e selfie

Ricevi gratis le news
0

La serata è di quelle per genitori. Meglio: di quelle per genitori che accompagnano i figli adolescenti. File di tredicenni che si fanno il selfie con lei, la reginetta dell’app di canto (in playback), oltre un milione di follower, 500mila tra Instagram e Youtube, medaglia di bronzo a livello mondiale. Poi l’attrazione cambia zona, tutti per di là!, sono arrivati due simpatici youtuber specializzati in scherzi terribili: i loro video li hanno visualizzati 30 milioni di persone, uno di questi ha raggiunto 1 milione e mezzo di click.

Sono questi gli influencer di migliaia di teenager, web-star uscite per una volta dallo schermo del cellulare rischiando di farsi venire i calli alle dita per firmare autografi, entrando così nelle foto ricordo dei nostri figli. Mentre noi più maturi restiamo lì a braccia conserte cercando di capire il fenomeno social.

Poco dopo sul palco arrivano i nostri. Rapper italiani che mi dicono essere famosissimi (e in effetti le grida dei tanti fan lo confermano, perlopiù ragazzine che nemmeno gli Stones dei tempi migliori), salgono sul palco quelli che “bella zio” sa già di antico, quelli che Frankie Hi Nrg potrebbe essere loro padre e così tento di ringiovanire un po’ cantando tra me e me “Quelli che benpensano”. Mi interrompo sul ritornello: non sarò per caso io colui che benpensa? Eccovi servito su un enorme piatto d’argento un velociraptor arrosto. Mi guardo attorno, io e tanti altri papà e mamme siamo pesci fuor d’acqua che tentano di adattarsi al nuovo clima. Una ragazza si sente male, a me verrebbe da gridare “c’è un sociologo in platea?!”. Avrebbe materiale per ricerche per i prossimi due anni. Dico due perché non ci sono più le mezze stagioni. Il mio amico Carlo, persona sensibile, sa mettersi in gioco. Lui, innamorato di Jovanotti e U2, forme di comunicazione diversa: “Esiste il rap bello – conforta –, intelligente e poetico che parla la lingua della strada dei giovani”. Insiste, a ragione, “ogni stagione ha nuovi filoni linguistici che si scontrano con la generazione precedente”. Così la nostra lingua non muore, penso. Fratture necessarie. “Poi ci sono i rapper pesi – termina - quelli frustrati e depressi, che tentano di uscire dall'ignoranza con un linguaggio volgare”. E che però a giudicare da quanti scaricano i loro pezzi, funziona. Non si sa quanto tempo durerà, ma funziona. Si tratta di distinguere chi porta evoluzione da chi porta involuzione.

Allora faccio un esperimento, scrivo un post su Facebook facendo il verso ad alcune star sentite l’altra sera. Una parola in particolare, che potremmo definire virile (“c…o”), come intercalare per fare colpo. Interessanti le reazioni. C’è chi mette l’emoticon con la lacrimuccia, c’est-à-dire “che tristezza”. Qualcuno mi ricorda, ironicamente, che sono vecchio. E’ così, ed è proprio per quello che voglio capire questi nuovi artisti.

Mi aiuta anche Elisa, classe ’67. Di mestiere fa la liutaia, in casa ha strumenti appesi ovunque.  “E’ il normale scarto generazionale, noto però che in queste canzoni c’è molta voglia di distruzione e autodistruzione. E’ un modo di ribellarsi a una società creata da noi. Forse ci sarebbe bisogno veramente della rivoluzione che i giovani chiedono. Comunque Nitro non è male”. Mi gela. Anche se penso che questa società l’hanno costruita e decostruita prima di tutto i modelli dell’individualismo e dell’egoismo con l’appoggio del consumismo.

Barbara, 50 anni, confessa: “Io sono rimasta a Tupac”. Vaglielo a spiegare che pure lei ha preso le sembianze di una pterosaura.

Alessandra invece era certa che crescere sua figlia a suon di Queen, Vasco, Dalla, De Gregori avrebbe sortito qualcosa, e si chiede: "Dove ho sbagliato? Tra me e loro c’è certamente più distanza che tra i mia madre e me". Sandro conosce tutti i rapper italiani grazie a suo figlio: “Speravo che ascoltando io i Pink Floyd...". Che sia proprio questa la chiave di volta? Sperare che i figli seguano le passioni dei genitori. Naaa. In realtà la musica è un fattore di aggregazione giovanile, indipendentemente che le generazioni ne comprendano i codici, musicali e non (tipo il fenomeno youtuber, appunto).

Forse è questione di ritmo, è lui che rap-isce i ragazzi. La vita è ritmo e loro hanno quantità immense di energie in divenire, da bruciare. Se c’è chi li vorrebbe immobili, quale altra opportunità hanno se non il virtuosismo delle  mille sillabe sparate come proiettili di una mitragliatrice? Potremmo definirlo lo sport della fonazione, rapper centometristi della parola. Ma, se la parola è potere, chi rappa potrebbe fare un colpo di Stato?  L’auspicio, al di là delle battute, è che si riesca a trovare uno spazio identitario aperto, a patto di aprire bene le orecchie. Tutti.

cesare.pastarini@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

4commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pontetaro: brindisi all'Oktoberfest al bar Alba - Ecco chi c'era: foto

feste pgn

Pontetaro: brindisi all'Oktoberfest al bar Alba Ecco chi c'era: foto

Fa sesso con un alunno 14enne: condannata insegnante in Florida

USA

Fa sesso con un alunno 14enne: condannata insegnante in Florida Foto

fedez

social

Ironia sul figlio, Fedez attacca Striscia poi fa autocritica Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

KATE FINN, la donna morta nel cercare il cibo perfetto

VELLUTO ROSSO

Teatro Due: Kate Finn, la donna morta nel cercare il cibo perfetto Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Parma Urban District: i nomi e i retroscena dell'inchiesta

FIAMME GIALLE

Parma Urban District: i nomi e i retroscena dell'inchiesta

UN ALTRO CASO

Fumo dal motore: evacuata una corriera Tep a Coltaro

1commento

montagna

La "guerra delle castagne", i proprietari: «Basta furti»

1commento

AGENDA

Tra fumetti, tartufo e passeggiate coi cani: l'agenda del sabato

L'INCHIESTA

L'Hiv fa ancora paura. Più a rischio i maschi fra 40 e 55 anni

LUTTO

Addio a Gianalessandro Isi, letterato e melomane

Tribunale

Processo Federitalia, la parola ai difensori

Sant’Ilario d’Enza

Ha dissapori con un giovane e incendia l'auto di sua madre: denunciato 25enne 

I carabinieri sono risaliti al giovane, che ha confessato di aver incendiato una Ford Focus a Calerno

immigrati

538.000 stranieri residenti in Emilia. Parma seconda provincia per presenze. Langhirano da record

3commenti

FIDENZA

Prova a «spacciare» soldi falsi. Ma viene scoperto

«NULLA AL CASO»

Il diario di Mary promosso da «Striscia la notizia»

MOSTRA

Il '68, un anno che ha cambiato la Storia: oggi il taglio del nastro

Ingresso gratuito dalle 11 alle 13, ridotto dalle 14 alle 19

Festival Verdi

Spotti, da Parma a Tokyo

PARMA

Centro commerciale di Baganzola: cantiere sotto sequestro, tre avvisi di garanzia in Comune Video

La Procura indaga per abuso d'ufficio. Le reazioni politiche. E Legambiente attacca: "Mancanza di trasparenze e umiltà"

3commenti

CONQUIBUS

Ospedale: confermata la sospensione dall'attività assistenziale per Aversa, Giuliani e Mutti

Il Comitato dei Garanti: tre anni di sospensione per Aversa

2commenti

Tribunale

La commessa della gioielleria: «Ho reagito così perché non sopporto le ingiustizie»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lo show in tv di Di Maio fa traballare il governo

di Vittorio Testa

1commento

CHICHIBIO

Trattoria Mussi, semplicemente la buona cucina di montagna

ITALIA/MONDO

economia

Moody's taglia il rating: Italia a un passo dal giudizio "spazzatura"

REGGIO EMILIA

E' agli arresti domiciliari ma organizza un "droga party": rimandato in carcere

SPORT

GIAPPONE

Pallavolo, è il gran giorno della finale: le azzurre sfidano la Serbia per l'oro

Moto

MotoGp, Dovizioso in pole a Motegi

SOCIETA'

monitoraggio

Il Parco del Taro (video)intrappola il "suo" lupo: ecco Vincenzo

ARTE

Riappare dopo 100 anni il Bal Tic Tac di Balla Foto

MOTORI

MOTO

Prova Harley-Davidson Sport Glide

ANTEPRIMA

X7, il Suv di lusso di Bmw Fotogallery