×
×
☰ MENU

Sciolte le riserve, in vista del voto il centrosinistra punta su Moglia

Sciolte le riserve, in vista del voto il centrosinistra punta su Moglia

19 Agosto 2021,09:28

Avvocato, non iscritto a partiti, è  stato assessore a Compiano, «Guiderò una lista civica per contribuire alla riappacificazione sociale» 

Borgotaro Il quadro si sta finalmente componendo: la corsa per le amministrative di ottobre, con cui si decreterà il cambio della guardia a Palazzo Manara, ora annovera anche il candidato dello schieramento di centrosinistra, allargato ad altre forze. 

Sciolte definitivamente le riserve dopo l’incontro che si è tenuto martedì sera tra le parti impegnate alla formazione della lista, è stato confermato  che il candidato sarà Marco Moglia,   (classe 1966), avvocato civilista, già  consigliere e assessore alla cultura e al turismo di Compiano, con cui il comune aveva ottenuto l’iscrizione nell’albo dei «Borghi più belli d’Italia». 
«Le riserve in realtà le avevo già sciolte qualche settimana fa, benché non del tutto visto che restavano alcuni aspetti da chiarire – commenta il candidato –: ora, districati i nodi principali, confermo convintamente la mia disponibilità a correre come candidato sindaco per una lista civica. È una sfida che raccolgo con senso di responsabilità per contribuire alla riappacificazione sociale». 

Non è ancora stata decisa la data della conferenza per la presentazione ufficiale del candidato e per illustrare il programma di massima. «Fino a questo momento ci siamo concentrati sulla formazione della lista, che stiamo chiudendo in queste ore e che potrebbe anche comprendere altre componenti – spiega Moglia -. Non appena avremo il logo e chiuso il cerchio, fisseremo una data». 

Quali forze andranno a comporre la lista? Moglia per ora non si sbottona ma rivela che «sarà un centrosinistra unito. E allargato. Il perimetro politico, tuttavia, è ancora in fase di definizione: posso però dire che stiamo dialogando con tutte le forze senza alcun pregiudizio ideologico». 

Moglia, che non è iscritto ad alcun partito e di sé dice «sono una figura essenzialmente civica che crede nei valori fondanti democratici e progressisti», per ora non entra nel merito del programma. Fatta eccezione per una pietra miliare del civismo locale: l’ospedale e il Punto nascita di Borgotaro. «È un tema centrale – spiega – e come legale avevo già patrocinato la causa da parte di oltre 300 persone che si battevano contro la sua chiusura. All’interno del nostro programma, la riapertura del Punto nascita sarà vitale e per finalizzarla introdurremo ogni possibile azione istituzionale». 

Monica Rossi
 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI