Sei in Cinema

Cinema: allerta Fbi per la "prima" di "Joker", si temono sparatorie e stragi di massa

Vaghe minacce circolano da maggio 

04 ottobre 2019, 18:20

Cinema: allerta Fbi per la

Il film Leone d’oro con Joaquin Phoenix esce tra le polemiche  - L’Fbi ha mandato in giro un bollettino in cui mette in guardia da possibili minacce di una strage di massa al debutto di «Joker» nelle sale cinematografiche. 
Vaghe minacce circolano online da maggio, riporta la rete tv Abc, ache se nessuna informazione specifica è stata mai mai messa in rete se non in relazione con gruppi che si definiscono «InCels», una cultura online di uomini che affermano di essere «celibi involontari» e a un sottogruppo di questa cultura, i «Clowncels». Molti recenti colpevoli di stragi di massa si sono autoidentificati come «InCels», ma l’Fbi - secondo la Abc - non ritiene che il gruppo in se stesso sia violento. 
La decisione è stata presa sulla scia del malessere evocato dal film della Warner dopo tre sparatorie di massa nel corso dell’estate e alla luce del collegamento indiretto del protagonista con la strage del 20 luglio 2012 in un cinema di Aurora dove a mezzanotte doveva essere proiettato «Il cavaliere oscuro - il ritorno», terzo capitolo della trilogia su Batman di Christopher Nolan. 
Nei giorni scorsi cinque famiglie di Aurora avevano scritto una lettera aperta alla Warner esprimendo preoccupazione per il contenuto violento del film. «Joker» non uscirà comunque nel multisala del Colorado dove sette anni fa lo studente di neuroscienze Jesse Holmes uccise 12 persone ferendone altre 70, mentre le catene cinematografiche AMC e Landmark hanno indicato chiaramente che non tollereranno nei teatri spettatori che indossino maschere, facce dipinte e costumi.