×
×
☰ MENU

Parte da Maristella Galli, sindaca di Collecchio, l'appello per le donne afghane firmato da numerosi amministratori locali

Parte da Maristella Galli, sindaca di Collecchio, l'appello per le donne afghane firmato da numerosi amministratori locali

18 Agosto 2021,14:54

"C'è un'escalation di ostacoli nell’essere donna nel mondo. Ed è per questo che non possiamo rimanere in silenzio di fronte a quanto, in queste ore, sta accadendo in Afghanistan che, ancora una volta, rischia di tornare ad essere il posto peggiore in cui essere donne".

Inizia così l'appello che su iniziativa della Sindaca di Collecchio, Maristella Galli, numerosi sindache e sindaci della nostra provincia e di tutta la Regione Emilia-Romagna hanno sottoscritto facendosi  interpreti del sentimento diffuso di apprensione e preoccupazione che sta attraversando l'opinione pubblica di fronte a quanto sta accadendo negli ultimi giorni in Afghanistan.

“L’appello" - ha spiegato la Sindaca di Collecchio, Galli, "nasce dal senso di responsabilità che i sindaci sentono profondamente nei confronti dei propri cittadini ma anche verso i cittadini del mondo che stanno vivendo momenti tragici. Le donne, le ragazze e le bambine afghane in particolare, rischiano tempi di dolore, di sofferenza fisica e psicologica. Sono inaccettabili le immagini, le richieste di aiuto di ragazze afghane sui social, piangenti e impaurite, nascoste per non essere violate, costrette a matrimoni con i soldati. La nostra provincia e la nostra Regione, in particolare, hanno sempre dimostrato una grande umanità nell'accoglienza e per questo sentiamo il dovere di metterci a disposizione, nel quadro di un sicuro adeguamento del sistema pubblico di accoglienza SAI (ex SPRAR)"


"La guerra, nella sua forma più tradizionale, ha lasciato il posto ad un conflitto latente e permanente nel quale è la popolazione civile ad essere direttamente coinvolta nelle ritorsioni e nei processi sommari, nella violazione sistematica dei diritti fondamentali di libertà e uguaglianza sostanziale" - prosegue l'appello rivolto al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, e a tutte le più alte cariche dello Stato oltre che al Presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e dell'ANCI, Antonio Decaro - "In questo momento, i media internazionali raccontano, nuovamente, di un Afghanistan nel quale le donne, le ragazze e le bambine sono vittime di violenze sia fisiche sia psicologiche. E tornano ad essere considerate merce di scambio tra milizie e clan. Ma le donne non sono merce di scambio, non sono un bottino di guerra, non possono essere il capro espiatorio del fallimento del ventennio di intervento occidentale in Afghanistan".


Ed è proprio pensando alle donne dell'Afghanistan che i Sindaci sentono di esplicitare il più concreto supporto da parte delle loro comunità

"In queste ore, i Talebani stanno tentando di rassicurare la comunità internazionale, ma i racconti dei testimoni ancora riportano di violenze sessuali e psicologiche, di minacce alla libertà personale e all’integrità fisica. Per questo ci mettiamo a disposizione del Parlamento, del Governo, dell’Unione Europea e di tutta la Comunità Internazionale per assicurare, da subito, l’attivazione di una rete di protezione di emergenza, attraverso la messa a disposizione di unità abitative per l’accoglienza, la fornitura di beni di prima necessità ed ogni forma di possibile supporto rivolto in particolare alle donne dell’Afghanistan"

 
 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI