×
×
☰ MENU

Lasciano il sentiero e si perdono nei boschi: famiglia recuperata a sera dai carabinieri forestali

Lasciano il sentiero e si perdono nei boschi: famiglia recuperata a sera dai carabinieri forestali

28 Giugno 2021,10:40

Lo scorso week end, viste anche le temperature africane registrate in città, sono stati molti coloro che hanno deciso di trascorrere una giornata in montagna in cerca di refrigerio e di un rilassante contatto con la natura.

In tale contesto brutta disavventura, per fortuna a lieto fine, per una famiglia parmigiana che ha deciso di passare la domenica a passeggio nei boschi di Corniglio, nella zona vicino al Lago Santo. I quattro, padre, madre e due figli minorenni, si sono allontanati dai sentieri tracciati nell’area, non riuscendo più ad orientarsi e ritrovare la strada per l’area di parcheggio in prossimità del Rifugio Lagdei. Intorno alle 20:30, hanno contattato il numero di emergenza “112” dei Carabinieri, che immediatamente hanno avviato le ricerche.

In pochissimo tempo, alcuni militari della Stazione Carabinieri Forestale presente proprio in quella zona, si sono adoperati per dare indicazioni telefoniche ai dispersi e per “battere” a piedi l’area circostante. Dopo circa 30 minuti, la famiglia in difficoltà è stata rintracciata, tutti in buona salute. I militari dell’Arma li hanno riaccompagnati alla propria auto.

Il Comando Provinciale Carabinieri di Parma e il Comando Gruppo Carabinieri Forestali di Parma, rammentano a tutta la cittadinanza che per affrontare gite in montagna è necessario prestare attenzione a minimi accorgimenti per non incorrere in potenziali situazioni di pericolo o difficoltà. In particolare:

  1. Programmare percorsi in base alle proprie capacità tecniche, alle proprie condizioni fisiche e di allenamento e al tempo che si ha a disposizione per tornare indietro. Non avventurarsi da soli, in caso di pericolo chi ci accompagna può essere il primo a soccorrerci.
  2. Dotarsi di attrezzature idonee e curare l'abbigliamento che deve essere comodo e sportivo, con calzature adeguate come scarpe da trekking.
  3. Non dimenticare di inserire nello zaino, possibilmente non troppo pesante, l'occorrente per eventuali situazioni di emergenza (telo termico, lampada frontale, bussola con altimetro, ecc.) e un piccolo kit di pronto soccorso.
  4. In caso di escursione lunga, portare con sé cibo e acqua per non incorrere in calo di zuccheri e malesseri dovuti alla fame; è preferibile assumere alimenti prontamente assimilabili con apporto energetico veloce, come frutta fresca o secca e barrette energetiche.
  5. Prima di iniziare l'escursione, accertarsi che il cellulare sia carico e memorizzare i numeri di soccorso.
  6. Se non si è pratici del posto, affidarsi a guide esperte oppure studiare l'orografia del territorio.
  7. Munirsi di carte dei sentieri che si intendono percorrere. Non abbandonare i sentieri per cercare scorciatoie.
  8. Lasciare detto dove si va a chi resta alla base, per accelerare in caso di bisogno, le attività di soccorso.
  9. Individuare lungo il percorso punti di riferimento importanti per l'orientamento.
  10. Informarsi sulle condizioni meteo prima di partire. In caso di maltempo non sostare in prossimità di alberi o di pietre ed oggetti acuminati che potrebbero agire da parafulmine, ma tenersi ad una distanza di 200-300 metri. Meglio trovare riparo presso rifugi, bivacchi, anfratti e grotte.
  11. È consigliabile accendere fuochi solo dove esistono aree appositamente attrezzate e ricordiamo che, in ogni caso, ogni fuoco è un potenziale pericolo per tutte le aree verdi.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI