×
×
☰ MENU

Coronavirus

Scuola, forte impennata di contagi: settanta le classi in quarantena

Registrati 363 nuovi casi, oltre cento in più rispetto ai dati del periodo prenatalizio

Scuola, forte impennata di contagi: settanta le classi in quarantena

di Luca Molinari

21 Gennaio 2022,11:50

La scuola è ripartita da poco più di una settimana, ma i contagi hanno già fatto segnare una forte impennata rispetto a quelli registrati a dicembre, poco prima della pausa per le festività natalizie.
Si è infatti passati dai 260 nuovi casi della settimana dal 13 al 19 dicembre, ai 363 del periodo 7-16 gennaio. Per cui l'aumento è di oltre cento contagi. Molto più numerose anche le classi in quarantena, passate da 46 a 70. E' quanto emerge dal bollettino sui contagi diramato dall'Ausl.

Coinvolte 109 classi
«Nella settimana considerata sono stati riscontrati 363 nuovi casi di positività al coronavirus nelle scuole di Parma e provincia - spiega il bollettino - che hanno portato a provvedimenti in 109 classi e gruppi di classi». Il personale sanitario dell'Ausl ha quindi disposto la quarantena in settanta classi o sezioni di scuole dell’infanzia ed elementari e la sospensione della frequenza in 39 gruppi di classi e sezioni di scuole secondarie. In particolare, la quarantena ha coinvolto: 22 nidi, 23 materne, 25 elementari. La sospensione della frequenza invece 14 gruppi di classi di medie e 25 gruppi di classi di superiori.

Più colpite le superiori
Nell'ultima settimana, la fascia 0-14 è stata interessata nel 13 per cento della totalità dei casi registrati a Parma e provincia su tutta la popolazione. Prima di Natale invece si trattava del 26 per cento, esattamente il doppio.
I casi scolastici nell'ultimo periodo di rilevazione coinvolgono prevalentemente le scuole elementari e le superiori, rispettivamente per il 31.1 per cento e il 35.6 per cento. Prima delle festività natalizie invece oltre un caso su due (il 58 per cento) riguardava le scuole elementari del territorio.

Personale in quarantena
Per quanto riguarda il mondo della scuola, sono 511 gli insegnanti e le altre persone impegnate in ambito scolastico a vario titolo, in quarantena. Si tratta di un dato in linea con quello - già molto elevato - di metà dicembre, quando le persone della scuola in quarantena erano 555.

Nidi e materne cittadine
Sono cinquantadue le sezioni attualmente in quarantena tra nidi (17) e scuole dell'infanzia (35). «La curva generale sembra essere in diminuzione - spiega Ines Seletti, assessore ai Servizi Educativi - ma non nella fascia 0-6. Proprio questo weekend abbiamo registrato un aumento delle positività tra insegnanti e bambini. La speranza è che la situazione, seppur lentamente, possa migliorare. Con questo trend di contagi infatti, diventa molto difficile garantire l'apertura delle scuole».

Le nuove regole
Francesco D’Aloisio, referente gestione casi covid nelle scuole del Dipartimento di sanità pubblica dell’Ausl illustra il nuovo protocollo sulla gestione dei casi di positività nelle scuole. «Con un primo caso di positività nella scuola elementare - dichiara - si continua in presenza fino all'esito del tampone di screening. Se si aggiunge un secondo caso, la classe va  direttamente in quarantena. Nelle scuole medie e superiori, con un primo caso, si continua in presenza in regime di autosorveglianza utilizzando mascherina Ffp2 per 10 giorni ed eseguendo il tampone alla prima insorgenza di sintomi. Se si aggiunge un secondo caso, i vaccinati da oltre 120 giorni o non vaccinati andranno in didattica a distanza, mentre i vaccinati da meno di 120 giorni possono continuare a frequentare in presenza in regime di autosorveglianza. Con tre o più casi ci sarà la didattica a distanza per tutta la classe, ma i vaccinati non saranno sottoposti comunque a quarantena a differenza dei non vaccinati».

Tanti focolai in famiglia
«Ancora una volta - prosegue lo stesso D'Aloisio - le inchieste epidemiologiche ed il contact-tracing degli operatori Ausl, hanno evidenziato che nella maggior parte dei casi il focolaio parte in casa per contatti familiari o risulta legato ad attività ricreative pomeridiane extrascolastiche».
 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI