-4°

12°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

The Grand Tour, i 'cattivi ragazzi' dei motori sono tornati
Spettacolo

The Grand Tour, i 'cattivi ragazzi' dei motori sono tornati

 
Domenica il coro «Dolci armonie»
FAMIJA PRAMZANA

Domenica il coro «Dolci armonie»

 
Locanda del culatello
CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

 
Ecco 20 nuove offerte per chi cerca lavoro: LA BACHECA DELLA GAZZETTA DI PARMA – 15 GENNAIO 2019
LA BACHECA

Ecco 20 nuove offerte per chi cerca lavoro

 
Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross
CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

 
Progetto Thinkbig: presentate le 18 idee finanziabili
12tgparma

Progetto Thinkbig: presentate le 18 idee finanziabili

 
Da Parma alla Normale: i destini incrociati di tre studenti prodigio
UNIVERSITÀ

Da Parma alla Normale: i destini incrociati di tre studenti prodigio

 
Misterioso avvelenamento del cane di Beatrice di York a Windsor
inghilterra

Misterioso avvelenamento del cane di Beatrice di York a Windsor

 
MIA MARTINI - IO SONO MIA

MIA MARTINI - IO SONO MIA

 
Tales of Vesperia, il classico ritrovato
VIDEOGAME

Tales of Vesperia, il classico ritrovato

 
Apprendistato di primo livello: un convegno per parlare di esperienze e futuro
SCUOLA

Apprendistato di primo livello: un convegno per parlare di esperienze e futuro

 
10 nuovi buoni motivi per visitare Valencia nel 2019
VIAGGI

Turismo: 10 nuovi buoni motivi per visitare Valencia nel 2019

 
A rischio radicalizzazione in carcere, 37enne espulso
RIMINI

Espulso marocchino a rischio radicalizzazione in carcere: è stato detenuto anche a Parma

 
Don Rossolini: «Pizzarotti deve dimettersi»
PARMA

Don Rossolini: «Pizzarotti deve dimettersi». Il sindaco: «Si tira dritto senza se e senza ma»

 
Tonfo di Apple, crolla a Wall Street: -10,01
Borsa

Tonfo di Apple, crolla a Wall Street: -10,01

 
Ipsia e Itis: i video dei ragazzi su razzismo, inquinamento e degrado in città
SCUOLA

Ipsia e Itis: i tre video dei ragazzi su razzismo, inquinamento e degrado in città

 
Nasce lo spazzino di quartiere, venti operatori per le varie zone della città
Parma

Nasce lo "spazzino di quartiere": 20 operatori in tutta la città. Video di "Io parlo parmigiano"

 
Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid
MODA

Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid Video

 
Torna Gazzarock
MUSICA

L'unico ParmAwards deciso dal pubblico: votate il "vostro" Gazzarock

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

film recensioni

Evviva Giuseppe - Il film di Consiglio

Bertolucci, le parole diventano immagini

Evviva Giuseppe - Il film di Consiglio
0

I fiocchi di neve, improvvisi, l'Oltretorrente, un tram giallo da prendere: e un poeta che salta, felice. Che grida e che salta, insieme a suo figlio: «E' nato Giuseppe, è nato Giuseppe!».
Vive di cose così, di parole che diventano immagini, di ricordi - teneri e potenti - che si fanno cinema, come un film mai girato, ma che esiste, nella testa, nel cuore, di qualcuno: sta proprio qui, in quelle memorie non banali, in quelle testimonianze piene di vita, la forza di «Evviva Giuseppe», il documentario, bello e affettuoso, che Stefano Consiglio (per Solares) ha dedicato all'uomo che ebbe il «doloroso privilegio» di essere il fratello minore di Bernardo Bertolucci, ma anche - e soprattutto - il regista che inventò dal nulla Benigni, il narratore cortese di storie non lineari, il cineasta colto e ispirato che sopravvisse a tutto e a tutti (anche alla sua, ingombrante e meravigliosa, famiglia) senza odiare e copiare nessuno.
I versi del padre, i ricordi (magnifici e quasi avvolti dal mito) del fratello, le parole degli amici e le sue stesse confessioni: immagini e frammenti cristallini con cui Consiglio compone il puzzle di una personalità che sfugge alle facili classificazioni, radunando effetti personali e oggetti smarriti di un regista così come lo raccontano, tra gli altri, Nanni Moretti (che grazie a lui scoprì Laura Morante...), Stefania Sandrelli, Lidia Ravera, Fabrizio Gifuni.
E a cui qualcuno deve tanto. E altri tutto. «Mi ha insegnato il coraggio e la paura, perché io ho paura solo delle cose che amo - dice Benigni nello splendido monologo finale scritto apposta per il film -. Mi ha insegnato la bellezza e che ogni gesto è prezioso». Anche stavolta, come sempre, aveva ragione papà Attilio: «Assenza più acuta presenza».fil.m.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0