19°

32°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Per la rassegna Metti Una Sera A Cena Alle Ciminiere: Vladimir Luxuria
SCANDIANO

Vladimir Luxuria presenta il libro "Perù aiutami tu"

 
Colpo grosso al femminile
Spettacolo

Colpo grosso al femminile

 
Realcake dinastico
LONDRA

Servita al battesimo di Louis la torta nuziale dei principi. Sette anni dopo

 
SKYSCRAPER

SKYSCRAPER

 
Nona edizione per il grande appuntamento di Lodi con un programma internazionale di valore assoluto
fotografia

Lodi: conto alla rovescia per il Festival della Fotografia etica

 
Migranti, in provincia numeri in calo per gli stranieri accolti
12 tg parma

Migranti, la nuova mappa dell'accoglienza Video

 
"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese
CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

 
Calano le superfici di pomodoro da industria del Nord Italia
agricoltura

Calano le superfici coltivate con pomodoro da industria del Nord Italia

 
Emilia-Romagna, il 75% delle coop controllate è irregolare
REGIONE

Controlli dell'Ispettorato del lavoro: irregolarità in 3 cooperative su 4 in Emilia-Romagna

 
Ottimo avvio per le immatricolazioni all’Università di Parma
PARMA

L'Università: "Ottimo avvio per le immatricolazioni"

 
"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita
MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

 
Al via i Lambrusco Awards 2018, gara fra 248 vini pop
VINO

Alessandro Borghese condurrà i Lambrusco Awards 2018: gara fra 248 vini "pop"

 
Trova 1.100 euro in strada e li porta ai carabinieri
Casalmaggiore

Trova 1.100 euro in strada e li porta ai carabinieri

 
A Gouda in Olanda si assaggiano il formaggio e la storia
VIAGGI

A Gouda in Olanda si assaggiano il formaggio e la storia

 
Salumi Nuovo marchio:nasce «Culatta Emilia»
economia

Salumi, c'è un nuovo marchio: nasce «Culatta Emilia»

 
Luca Onestini
miss parma

Le bellissime sfilano davanti a Onestini

 
Restauro San Francesco del Prato: più vicino l'obiettivo 2020
PARMA

San Francesco del Prato riaprirà al culto entro fine 2020: restauri più vicini Video

 
Nel Cinghio Sud un nuovo centro civico per giovani e orti sociali
12tgparma

Nel Cinghio Sud un nuovo centro civico per giovani e orti sociali Video

 
Il parlo parmigiano
dialetto

"Io parlo parmigiano" presenta il nuovo spettacolo al Fuori Orario Video

 
Torna Gazzarock
MUSICA

L'unico ParmAwards deciso dal pubblico: votate il "vostro" Gazzarock

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

film recensioni

Evviva Giuseppe - Il film di Consiglio

Bertolucci, le parole diventano immagini

Evviva Giuseppe - Il film di Consiglio
0

I fiocchi di neve, improvvisi, l'Oltretorrente, un tram giallo da prendere: e un poeta che salta, felice. Che grida e che salta, insieme a suo figlio: «E' nato Giuseppe, è nato Giuseppe!».
Vive di cose così, di parole che diventano immagini, di ricordi - teneri e potenti - che si fanno cinema, come un film mai girato, ma che esiste, nella testa, nel cuore, di qualcuno: sta proprio qui, in quelle memorie non banali, in quelle testimonianze piene di vita, la forza di «Evviva Giuseppe», il documentario, bello e affettuoso, che Stefano Consiglio (per Solares) ha dedicato all'uomo che ebbe il «doloroso privilegio» di essere il fratello minore di Bernardo Bertolucci, ma anche - e soprattutto - il regista che inventò dal nulla Benigni, il narratore cortese di storie non lineari, il cineasta colto e ispirato che sopravvisse a tutto e a tutti (anche alla sua, ingombrante e meravigliosa, famiglia) senza odiare e copiare nessuno.
I versi del padre, i ricordi (magnifici e quasi avvolti dal mito) del fratello, le parole degli amici e le sue stesse confessioni: immagini e frammenti cristallini con cui Consiglio compone il puzzle di una personalità che sfugge alle facili classificazioni, radunando effetti personali e oggetti smarriti di un regista così come lo raccontano, tra gli altri, Nanni Moretti (che grazie a lui scoprì Laura Morante...), Stefania Sandrelli, Lidia Ravera, Fabrizio Gifuni.
E a cui qualcuno deve tanto. E altri tutto. «Mi ha insegnato il coraggio e la paura, perché io ho paura solo delle cose che amo - dice Benigni nello splendido monologo finale scritto apposta per il film -. Mi ha insegnato la bellezza e che ogni gesto è prezioso». Anche stavolta, come sempre, aveva ragione papà Attilio: «Assenza più acuta presenza».fil.m.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0