17°

28°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

Eventi a Parma

SCOPRI LE altre SEZIONI

Al Pezzani un'Aida a favore dell'Aima
Lirica benefica

Al Pezzani un'Aida a favore dell'Aima

 
Fabrizio Corona Zoe
GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

 
Vittoria per il documentario "Strange Fish" della parmigiana Giulia Bertoluzzi
PREMIO BNP

"Visioni dal mondo", premio al documentario della parmigiana Giulia Bertoluzzi

 
Le offerte di Unimpiego Confindustria
BACHECA

Gazzetta Lavoro: gli annunci di Publiedi

 
Ue indaga su Bmw, Volkswagen e Daimler: "Accordi sulle tecnologie"
BRUXELLES

L'Ue indaga su Bmw, Volkswagen e Daimler: "Accordi sulle tecnologie"

 
«Sempre al fianco delle famiglie nella gioia e nella sofferenza»
Il ricordo

«Don Domenico, sempre al fianco delle famiglie nella gioia e nella sofferenza»

 
GLI INCREDIBILI 2

GLI INCREDIBILI 2

 
GSK: cambio alla guida dello stabilimento torrilese
WELFARE

Il Family Day alla GSK di San Polo di Torrile Video

 
Stravince Rosella Postorino con "Le assaggiatrici"
Premio Campiello

Stravince Rosella Postorino con "Le assaggiatrici"

 
945 presenti per 438 posti al test dei corsi di laurea delle Professioni Sanitarie dell'Università di Parma
Università di Parma

Corsi di laurea delle Professioni Sanitarie: 945 presenti per 438 posti

 
«Bamboo road», il Vermentino naturale di Stefano Legnani
IL VINO

«Bamboo road», il Vermentino naturale di Stefano Legnani

 
«Appennino», dopo la Cisa trionfa la cucina di famiglia
CHICHIBIO

«Appennino», dopo la Cisa trionfa la cucina di famiglia

 
Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid
MODA

Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid Video

 
Una sfida tra «voci» per diventare speaker
NOVITA'

Radio Parma on Air: una sfida tra «voci» per diventare speaker

 
camerun
INTERVISTA

"La sinergia con Parma può aiutare lo sviluppo agroindustriale del Camerun" Video

 
Jack Ma dice addio ad Alibaba, farà il filantropo
economia

Jack Ma dice addio ad Alibaba, farà il filantropo

 
Balerari, tutti pazzi per Ibiza
viaggi

Baleari, tutti pazzi per Ibiza

 
Chiude la saracinesca il «Mago della forbice»
CROCETTA

Chiude la saracinesca il «Mago della forbice»

 
Corale Verdi: risate assicurate ad agosto con le commedie dialettali
12 tg parma

Corale Verdi: risate assicurate ad agosto con le commedie dialettali Video

 
Torna Gazzarock
MUSICA

L'unico ParmAwards deciso dal pubblico: votate il "vostro" Gazzarock

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

Ocean's 8 - La truffa del secolo in versione girl power

Rispetto ai film «maschili» della saga, nonostante il cast da urlo manca un po' di verve e anche il montaggio sembra un po' più piatto

Ocean's 8 - La truffa del secolo in versione girl power
0

Il rischio di film come questi, simpatici, amabili e disintossicanti, è che finiscano sempre un po' per assomigliare al Brasile dell'82.
Per carità, squadra pazzesca, meravigliosa, ma con due limiti non da poco: un portiere e un centravanti mezze schiappe.
Proprio lì, nei ruoli cardine. Capita una cosa simile anche in «Ocean's 8», glamour e modaiolo heist movie al femminile, spin off in piena era #metoo di una trilogia da più di mille milioni di dollari di incasso che si era già però esaurita naturalmente 11 anni fa. Se non è male l'idea di ricalcare truffe e gesta della banda Clooney in versione girl power, il lato (e il sesso) debole della vicenda è rappresentato dall'unico uomo in campo (sarà un caso?), il regista e co-sceneggiatore Gary Ross, che si limita a riproporre in chiave rosa gli schemi che fecero la fortuna degli Ocean's maschili, insinuando il dubbio che forse sarebbe stato meglio a questo punto avere una lei non solo davanti ma anche dietro la macchina da presa.
Cattivi pensieri, è vero, ma Ross (che era partito benissimo, con «Pleasantville» per poi dirigere il primo «Hunger games») è sì un buon regista, ma non ha il carisma né la personalità versatile di Steven Soderbergh (qui solo produttore) e il franchise, nonostante il film sia ironico e fashion, in qualche modo ne risente.
Una cosa però è certa: come cantava Marilyn, i diamanti sono (ancora) i migliori amici di una ragazza.
Specie se li rubi senza farti beccare. Che poi è la specialità di Debbie Ocean, sorellina di quel Danny già noto (da «Ocean's eleven» in poi) ai nostri uffici. Uscita di prigione dopo 5 anni, 8 mesi e 12 giorni, la nostra mette insieme una formidabile squadra di ladre e truffatrici per realizzare un colpo clamoroso: rubare, durante un party super esclusivo, una collana da 150 milioni di dollari.
Un furto sulla carta impossibile: ma anche il modo in cui Debbie vuole vendicarsi dell'uomo che l'ha mandata in galera...
Presentazione dei personaggi (l'amica di sempre, l'hacker senza nome, la stilista in disgrazia, l'accumulatrice seriale....), preparazione ed inevitabili impicci, gran soirée: va tutto come da copione, anche se rispetto ai film «maschili» della saga manca un po' di verve e anche il montaggio sembra un po' più piatto. Ma d'altra parte funziona il contesto pop chic, tra Bansky e Cartier, arte e moda, Tinder e hi tech, e la parte del leone (anzi delle leonesse...) la fanno ovviamente - mentre spuntano ovunque guest star di lusso (da Heidi Klum a Serena Williams) -, le solite sospette, otto protagoniste capitanate da Sandra Bullock (nel team, tra le altre, anche Cate Blanchett, Anne Hathaway, Rihanna e Helena Bonham Carter) che sono il cuore (e il core business) di una pellicola cool e spiritosa.
Il piano insomma è infallibile, il film un po' meno: ma per il 28 luglio basta e avanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0