-1°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Calciobalilla, torneo in memoria di Simone Sorrenti
Soragna

Calciobalilla, torneo in memoria di Simone Sorrenti

 
Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde
MOTORI

Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde

 
I Pifferi, c'è tanta tradizione ma non solo
CHICHIBIO

I Pifferi, c'è tanta tradizione ma non solo

 
CREED II

CREED II

 
Oscar 2019, otto in corsa per il miglior film
Spettacolo

Oscar 2019, otto in corsa per il miglior film

 
Healthy food: Parma nella top ten in Italia
Just eat

Healthy food: Parma nella top ten in Italia

 
Cedacri acquisisce Oasi da Nexi
ICT

Cedacri acquisisce Oasi da Nexi

 
Offerte di lavoro a cura di Publiedi
OCCUPAZIONE

Offerte di lavoro a cura di Publiedi

 
Tribaudino: «La mineralogia studia anche le ceneri del termovalorizzatore»
UNIVERSITA'

Tribaudino: «La mineralogia studia anche le ceneri del termovalorizzatore»

 
In vendita su eBay rottami incidente principe Filippo
GRAN BRETAGNA

In vendita (già) su eBay i rottami dell'incidente del principe Filippo

 
Key West, buen retiro senza convenzioni
VIAGGI

Key West, buen retiro senza convenzioni

 
Il fantasma del castello di Bianello
QUATTRO CASTELLA

"Il fantasma protegge il castello": il Bianello fra suggestione, storia e turismo Video-intervista

 
Il senegalese Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»
CALCIO

Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

 
Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»
Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

 
Don Rossolini: «Pizzarotti deve dimettersi»
PARMA

Don Rossolini: «Pizzarotti deve dimettersi». Il sindaco: «Si tira dritto senza se e senza ma»

 
Tonfo di Apple, crolla a Wall Street: -10,01
Borsa

Tonfo di Apple, crolla a Wall Street: -10,01

 
Ipsia e Itis: i video dei ragazzi su razzismo, inquinamento e degrado in città
SCUOLA

Ipsia e Itis: i tre video dei ragazzi su razzismo, inquinamento e degrado in città

 
Nasce lo spazzino di quartiere, venti operatori per le varie zone della città
Parma

Nasce lo "spazzino di quartiere": 20 operatori in tutta la città. Video di "Io parlo parmigiano"

 
Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid
MODA

Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid Video

 
Torna Gazzarock
MUSICA

L'unico ParmAwards deciso dal pubblico: votate il "vostro" Gazzarock

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

cinema

A Ciambra: Cinema di periferia: torna il neorealismo?

cinema
0

Li ha conosciuti dopo il furto della Panda su cui aveva lasciato l'attrezzatura della troupe: un altro avrebbe fatto denuncia, lui, invece, ci ha fatto un film. Portandoli tutti prima sullo schermo e poi al Festival di Cannes. E' originale, inedito e coraggioso sin nel progetto, «A Ciambra», l'opera seconda del 33enne Jonas Carpignano, cresciuto a New York da padre italiano, che gira, in dialetto strettissimo (in un coacervo linguistico sporcato da mille inflessioni) un film autentico, diretto e senza pregiudizi sugli Amato, grande famiglia della comunità rom di Gioia Tauro, in Calabria.
Un cinema invisibile ai radar, nomade come e più dei suoi (ormai stanziali) protagonisti: sempre in movimento, in marcia, sempre sulla strada (unica vera maestra di vita), nella babele un'Italia che non finisce in copertina, dove i rom interpretano se stessi, affrancandosi però da una facile tentazione retorico-documentaristica, per aderire invece, con la massima disponibilità, a un modello narrativo che li include, là dove la società civile («ricorda, siamo noi contro il mondo») di solito invece li rifiuta, li respinge a priori.
Americano solo per studi e passaporto, ma estremamente europeo in quello sguardo che si porta dietro la lezione non dispersa del neorealismo (il pedinamento zavattiniano, quel cavallo onirico che pare uscito da «Sciuscià»...), l'onestà e la sensibilità truffautiana e certe inquadrature alla Dardenne (e alla Audiard), Carpignano rispolvera un suo corto e gli dà dignità di lungometraggio raccontando il romanzo di formazione (e l'educazione criminale) di Pio, 14enne rom che fuma, beve e guida la macchina. Ma non sa né leggere né scrivere e ha più paura di chiedere il numero a una ragazza che di rubare...
Spaccato, anche esistenziale, di un mondo «altro» dove, in una sorta di integrazione non dichiarata (che è reale per Pio ma non per altri), convivono rom, calabresi, immigrati africani e la 'ndrangheta, «A Ciambra», premiato alla «Quinzaine des réalisateurs», è un film fisico, periferico, ruvido, vitale: una pellicola di confine (tra infanzia e età adulta, famiglia vera e di fatto) che ha conquistato sin dal primo montaggio persino Martin Scorsese, che l'ha voluta produrre. Colpito probabilmente dalla franchezza delle intenzioni di un regista che rifiuta il buonismo e va incontro alla realtà senza pensare di essere in diritto di giudicarla. fil.m.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0