-1°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Calciobalilla, torneo in memoria di Simone Sorrenti
Soragna

Calciobalilla, torneo in memoria di Simone Sorrenti

 
Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde
MOTORI

Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde

 
I Pifferi, c'è tanta tradizione ma non solo
CHICHIBIO

I Pifferi, c'è tanta tradizione ma non solo

 
CREED II

CREED II

 
Oscar 2019, otto in corsa per il miglior film
Spettacolo

Oscar 2019, otto in corsa per il miglior film

 
Healthy food: Parma nella top ten in Italia
Just eat

Healthy food: Parma nella top ten in Italia

 
Cedacri acquisisce Oasi da Nexi
ICT

Cedacri acquisisce Oasi da Nexi

 
Offerte di lavoro a cura di Publiedi
OCCUPAZIONE

Offerte di lavoro a cura di Publiedi

 
Tribaudino: «La mineralogia studia anche le ceneri del termovalorizzatore»
UNIVERSITA'

Tribaudino: «La mineralogia studia anche le ceneri del termovalorizzatore»

 
In vendita su eBay rottami incidente principe Filippo
GRAN BRETAGNA

In vendita (già) su eBay i rottami dell'incidente del principe Filippo

 
Key West, buen retiro senza convenzioni
VIAGGI

Key West, buen retiro senza convenzioni

 
Il fantasma del castello di Bianello
QUATTRO CASTELLA

"Il fantasma protegge il castello": il Bianello fra suggestione, storia e turismo Video-intervista

 
Il senegalese Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»
CALCIO

Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

 
Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»
Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

 
Don Rossolini: «Pizzarotti deve dimettersi»
PARMA

Don Rossolini: «Pizzarotti deve dimettersi». Il sindaco: «Si tira dritto senza se e senza ma»

 
Tonfo di Apple, crolla a Wall Street: -10,01
Borsa

Tonfo di Apple, crolla a Wall Street: -10,01

 
Ipsia e Itis: i video dei ragazzi su razzismo, inquinamento e degrado in città
SCUOLA

Ipsia e Itis: i tre video dei ragazzi su razzismo, inquinamento e degrado in città

 
Nasce lo spazzino di quartiere, venti operatori per le varie zone della città
Parma

Nasce lo "spazzino di quartiere": 20 operatori in tutta la città. Video di "Io parlo parmigiano"

 
Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid
MODA

Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid Video

 
Torna Gazzarock
MUSICA

L'unico ParmAwards deciso dal pubblico: votate il "vostro" Gazzarock

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

CINEMA

The teacher, ai tempi del comunismo

Riunione dei genitori con vista sul regime

The teacher, ai tempi del comunismo
0

L’insegnante che sembra perfetta ha forme materne, occhi vellutati e riccioli sbarazzini. Siamo a Bratislava, nella Cecoslovacchia che ancora è sotto l’influenza sovietica, e la vita di una scuola è intrisa di valori patriottici e begli intendimenti. Peccato che sotto la crosta covino favoritismi, paura del controllo comunista, conformismo. La base di una società pronta ad assecondare il potere per i propri interessi personali. Suona familiare anche qui e oggi? E’ il pregio principale di questo film slovacco che riesce a caratterizzare fortemente una storia dai presupposti universali. L’insegnante che chiede ai suoi alunni che mestiere fanno i loro genitori, alla ricerca di piccoli e grandi favori in cambio di buoni voti, è la sacerdotessa di questa corruzione morale. Ma paradossalmente non è la vera protagonista. Piuttosto l’innesco alle reazioni dei genitori riuniti per discutere la situazione insieme alla direttrice della scuola. Chi denuncia, chi prende le distanze da ogni critica al potere, chi tentenna. La riunione è raccontata quasi in tempo reale e la realtà affiora pezzo dopo pezzo in una elegante struttura che procede incastrando il momento attuale ai fatti accaduti, come le due parti di una cerniera. A costruire il racconto sono via via i genitori e i loro figli in un affresco della coscienza poliedrica e cangiante, mutevole e condizionabile del ‘popolo’, come si sarebbe detto allora. Della gente, come la conosciamo anche oggi. Responsabile, più di quel che si pensi, dei propri ‘capi’ e del modo in cui una società tratta gli individui che ne fanno parte. Godibile e anche ironico nelle parti dedicate all’inossidabile ‘ingordigia’ di favori dell’insegnante, pensoso e teso nello svolgersi della riunione, il film è ben scritto, girato e interpretato. Forse solo un po’ fermo sui binari delle sue tesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0