21°

32°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Nona edizione per il grande appuntamento di Lodi con un programma internazionale di valore assoluto
fotografia

Lodi: conto alla rovescia per il Festival della Fotografia etica

 
Felino, domani sera musica per la solidarieta' a Villa Amoretti
12 tg parma

Felino: serata di musica e solidarietà a Villa Amoretti Video

 
Migranti, in provincia numeri in calo per gli stranieri accolti
12 tg parma

Migranti, la nuova mappa dell'accoglienza Video

 
Serata audiovisivi nel giardino del castello di Montecchio Emilia
Montecchio Emilia

Gli audiovisivi di Ivano Bolondi nel giardino del castello

 
"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese
CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

 
Calano le superfici di pomodoro da industria del Nord Italia
agricoltura

Calano le superfici coltivate con pomodoro da industria del Nord Italia

 
RABBIA FURIOSA - ER CANARO

RABBIA FURIOSA - ER CANARO

 
Emilia-Romagna, il 75% delle coop controllate è irregolare
REGIONE

Controlli dell'Ispettorato del lavoro: irregolarità in 3 cooperative su 4 in Emilia-Romagna

 
Ottimo avvio per le immatricolazioni all’Università di Parma
PARMA

L'Università: "Ottimo avvio per le immatricolazioni"

 
"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita
MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

 
Al via i Lambrusco Awards 2018, gara fra 248 vini pop
VINO

Alessandro Borghese condurrà i Lambrusco Awards 2018: gara fra 248 vini "pop"

 
Trova 1.100 euro in strada e li porta ai carabinieri
Casalmaggiore

Trova 1.100 euro in strada e li porta ai carabinieri

 
A Gouda in Olanda si assaggiano il formaggio e la storia
VIAGGI

A Gouda in Olanda si assaggiano il formaggio e la storia

 
Salumi Nuovo marchio:nasce «Culatta Emilia»
economia

Salumi, c'è un nuovo marchio: nasce «Culatta Emilia»

 
Luca Onestini
miss parma

Le bellissime sfilano davanti a Onestini

 
Restauro San Francesco del Prato: più vicino l'obiettivo 2020
PARMA

San Francesco del Prato riaprirà al culto entro fine 2020: restauri più vicini Video

 
Nel Cinghio Sud un nuovo centro civico per giovani e orti sociali
12tgparma

Nel Cinghio Sud un nuovo centro civico per giovani e orti sociali Video

 
Il parlo parmigiano
dialetto

"Io parlo parmigiano" presenta il nuovo spettacolo al Fuori Orario Video

 
Torna Gazzarock
MUSICA

L'unico ParmAwards deciso dal pubblico: votate il "vostro" Gazzarock

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

CINEMA

The teacher, ai tempi del comunismo

Riunione dei genitori con vista sul regime

The teacher, ai tempi del comunismo
0

L’insegnante che sembra perfetta ha forme materne, occhi vellutati e riccioli sbarazzini. Siamo a Bratislava, nella Cecoslovacchia che ancora è sotto l’influenza sovietica, e la vita di una scuola è intrisa di valori patriottici e begli intendimenti. Peccato che sotto la crosta covino favoritismi, paura del controllo comunista, conformismo. La base di una società pronta ad assecondare il potere per i propri interessi personali. Suona familiare anche qui e oggi? E’ il pregio principale di questo film slovacco che riesce a caratterizzare fortemente una storia dai presupposti universali. L’insegnante che chiede ai suoi alunni che mestiere fanno i loro genitori, alla ricerca di piccoli e grandi favori in cambio di buoni voti, è la sacerdotessa di questa corruzione morale. Ma paradossalmente non è la vera protagonista. Piuttosto l’innesco alle reazioni dei genitori riuniti per discutere la situazione insieme alla direttrice della scuola. Chi denuncia, chi prende le distanze da ogni critica al potere, chi tentenna. La riunione è raccontata quasi in tempo reale e la realtà affiora pezzo dopo pezzo in una elegante struttura che procede incastrando il momento attuale ai fatti accaduti, come le due parti di una cerniera. A costruire il racconto sono via via i genitori e i loro figli in un affresco della coscienza poliedrica e cangiante, mutevole e condizionabile del ‘popolo’, come si sarebbe detto allora. Della gente, come la conosciamo anche oggi. Responsabile, più di quel che si pensi, dei propri ‘capi’ e del modo in cui una società tratta gli individui che ne fanno parte. Godibile e anche ironico nelle parti dedicate all’inossidabile ‘ingordigia’ di favori dell’insegnante, pensoso e teso nello svolgersi della riunione, il film è ben scritto, girato e interpretato. Forse solo un po’ fermo sui binari delle sue tesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0