18°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Ascolti tv: Temptation Island vince di misura su Gigi Proietti
TELEVISIONE

Ascolti tv: Temptation Island vince di misura su Gigi Proietti

 
Zanza
RIMINI

Malore fatale in auto con una ragazza: è morto "Zanza" , re dei playboy della Riviera romagnola

 
Borgo Casale - Chef giovane, con qualità ed equilibrio
CHICHIBIO

Borgo Casale - Chef giovane, con qualità ed equilibrio

 
Il colore dell'emozione
mostra

Il colore dell'emozione

 
Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste
LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

 
PANE DAL CIELO

PANE DAL CIELO

 
Ex moderatrice fa causa, sono traumatizzata
Facebook

Ex moderatrice fa causa, sono traumatizzata

 
Commercio: alla domenica lavorano soprattutto le donne
LAVORO

Commercio: alla domenica lavorano soprattutto le donne

 
Regina Elisabetta
inghilterra

E (incredibilmente) la regina Elisabetta scoppia a ridere

 
Ecco Tarraco, il Suv più grande di Seat
ANTEPRIMA

Ecco Tarraco, il Suv più grande di Seat

 
Offerte di lavoro: 20 annunci per chi cerca un impiego
BACHECA

Offerte di lavoro: 20 annunci per chi cerca un impiego

 
L'Ateneo di Parma visto dagli studenti
UNIVERSITA'

L'Ateneo di Parma visto dagli studenti

 
Amburgo, la città del design che si rivela dall'acqua
Viaggi

Amburgo, la città del design che si rivela dall'acqua

 
Versace in vendita a un gruppo americano?
ECONOMIA

Versace venduta a Michael Kors

 
La festa di Casaltone, Benassi e i Megaborg al Mu, e il nuovo «Operaswing»
PGN

La festa di Casaltone, Benassi e i Megaborg al Mu, e il nuovo «Operaswing»

 
«Sempre al fianco delle famiglie nella gioia e nella sofferenza»
Il ricordo

«Don Domenico, sempre al fianco delle famiglie nella gioia e nella sofferenza»

 
«Bamboo road», il Vermentino naturale di Stefano Legnani
IL VINO

«Bamboo road», il Vermentino naturale di Stefano Legnani

 
Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid
MODA

Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid Video

 
Chiude la saracinesca il «Mago della forbice»
CROCETTA

Chiude la saracinesca il «Mago della forbice»

 
Corale Verdi: risate assicurate ad agosto con le commedie dialettali
12 tg parma

Corale Verdi: risate assicurate ad agosto con le commedie dialettali Video

 
Torna Gazzarock
MUSICA

L'unico ParmAwards deciso dal pubblico: votate il "vostro" Gazzarock

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

CINEMA

The teacher, ai tempi del comunismo

Riunione dei genitori con vista sul regime

The teacher, ai tempi del comunismo
0

L’insegnante che sembra perfetta ha forme materne, occhi vellutati e riccioli sbarazzini. Siamo a Bratislava, nella Cecoslovacchia che ancora è sotto l’influenza sovietica, e la vita di una scuola è intrisa di valori patriottici e begli intendimenti. Peccato che sotto la crosta covino favoritismi, paura del controllo comunista, conformismo. La base di una società pronta ad assecondare il potere per i propri interessi personali. Suona familiare anche qui e oggi? E’ il pregio principale di questo film slovacco che riesce a caratterizzare fortemente una storia dai presupposti universali. L’insegnante che chiede ai suoi alunni che mestiere fanno i loro genitori, alla ricerca di piccoli e grandi favori in cambio di buoni voti, è la sacerdotessa di questa corruzione morale. Ma paradossalmente non è la vera protagonista. Piuttosto l’innesco alle reazioni dei genitori riuniti per discutere la situazione insieme alla direttrice della scuola. Chi denuncia, chi prende le distanze da ogni critica al potere, chi tentenna. La riunione è raccontata quasi in tempo reale e la realtà affiora pezzo dopo pezzo in una elegante struttura che procede incastrando il momento attuale ai fatti accaduti, come le due parti di una cerniera. A costruire il racconto sono via via i genitori e i loro figli in un affresco della coscienza poliedrica e cangiante, mutevole e condizionabile del ‘popolo’, come si sarebbe detto allora. Della gente, come la conosciamo anche oggi. Responsabile, più di quel che si pensi, dei propri ‘capi’ e del modo in cui una società tratta gli individui che ne fanno parte. Godibile e anche ironico nelle parti dedicate all’inossidabile ‘ingordigia’ di favori dell’insegnante, pensoso e teso nello svolgersi della riunione, il film è ben scritto, girato e interpretato. Forse solo un po’ fermo sui binari delle sue tesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0