-1°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Calciobalilla, torneo in memoria di Simone Sorrenti
Soragna

Calciobalilla, torneo in memoria di Simone Sorrenti

 
Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde
MOTORI

Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde

 
I Pifferi, c'è tanta tradizione ma non solo
CHICHIBIO

I Pifferi, c'è tanta tradizione ma non solo

 
CREED II

CREED II

 
Oscar 2019, otto in corsa per il miglior film
Spettacolo

Oscar 2019, otto in corsa per il miglior film

 
Healthy food: Parma nella top ten in Italia
Just eat

Healthy food: Parma nella top ten in Italia

 
Cedacri acquisisce Oasi da Nexi
ICT

Cedacri acquisisce Oasi da Nexi

 
Offerte di lavoro a cura di Publiedi
OCCUPAZIONE

Offerte di lavoro a cura di Publiedi

 
Tribaudino: «La mineralogia studia anche le ceneri del termovalorizzatore»
UNIVERSITA'

Tribaudino: «La mineralogia studia anche le ceneri del termovalorizzatore»

 
In vendita su eBay rottami incidente principe Filippo
GRAN BRETAGNA

In vendita (già) su eBay i rottami dell'incidente del principe Filippo

 
Key West, buen retiro senza convenzioni
VIAGGI

Key West, buen retiro senza convenzioni

 
Il fantasma del castello di Bianello
QUATTRO CASTELLA

"Il fantasma protegge il castello": il Bianello fra suggestione, storia e turismo Video-intervista

 
Il senegalese Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»
CALCIO

Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

 
Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»
Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

 
Don Rossolini: «Pizzarotti deve dimettersi»
PARMA

Don Rossolini: «Pizzarotti deve dimettersi». Il sindaco: «Si tira dritto senza se e senza ma»

 
Tonfo di Apple, crolla a Wall Street: -10,01
Borsa

Tonfo di Apple, crolla a Wall Street: -10,01

 
Ipsia e Itis: i video dei ragazzi su razzismo, inquinamento e degrado in città
SCUOLA

Ipsia e Itis: i tre video dei ragazzi su razzismo, inquinamento e degrado in città

 
Nasce lo spazzino di quartiere, venti operatori per le varie zone della città
Parma

Nasce lo "spazzino di quartiere": 20 operatori in tutta la città. Video di "Io parlo parmigiano"

 
Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid
MODA

Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid Video

 
Torna Gazzarock
MUSICA

L'unico ParmAwards deciso dal pubblico: votate il "vostro" Gazzarock

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

cinema

L'uomo di neve, tratto dal romanzo di Jo Nesb0

L'uomo di neve, tratto dal romanzo di Jo Nesb0
0

Sarà che ne abbiamo già visti mille di thriller sottozero (da «Fargo» in avanti), cristallizzati in un gelo anche emotivo, derubati del più timido raggio di sole, smarriti in un bianco che annulla. Sarà questo, forse. Oppure sarà che di detective stropicciati e sensibili al fascino della bottiglia ne è pieno il mondo (e il cinema) così come di serial killer che giocano con la polizia come fossero il gatto col topo. O forse sarà che anche di scrittori nordici maestri del thriller ultimamente c’è un po’ un affollamento.
Sarà per tutte queste ragioni che «L’uomo di neve» non funziona o almeno non come dovrebbe. Anche se è lecito stupirsi perché produce Scorsese, che avrebbe voluto addirittura dirigerlo: per poi passare la mano a Tomas Alfredson, che ha fatto benissimo con «Lasciami entrare» e con quel perfetto meccanismo a orologeria che è «La talpa». Eppure il film, tratto dal settimo romanzo della saga dedicata a Harry Hole, l’investigatore nato dalla penna dell’ex calciatore, musicista e attualmente numero uno del noir scandinavo Jo Nesbø, non ha quella malattia, quella tensione un po’ livida, un po’ sporca, quelle svolte improvvise e ambigue che vorresti (e dovresti pretendere) di trovare in un prodotto del genere, replica e copia, più brutta che bella, di suggestioni sviscerate meglio altrove, anche da alcune serie tv, meno trattenute, rispetto al thriller di Alfredson, nell’affondare il colpo.
Harry, detective sui generis, alcolizzato e senza patente, che dorme dove capita e non va d’accordo con la tecnologia, indaga ad Oslo su una serie di efferati omicidi. Le vittime sono tutte donne: e davanti alle loro case l’assassino lascia sempre la sua macabra firma. Un inquietante pupazzo: di neve, ovviamente. C’è un bel grumo di padri assenti o mai dimenticati, legami spezzati con violenza, figli orfani o illegittimi nel cuore del giallo, classico e glaciale, di Alfredson che svuota gli armadi dagli scheletri del passato per detonare contraddizioni e ipocrisie dell’istituzione famiglia, senza negarle, nel suo trasformarsi e perdonarsi, qualche estrema speranza. Ma tutto resta un po’ lontano e raffreddato: l’ambientazione, intrigante, fa molto ma nemmeno troppo, e il già visto sovrasta la scarsa introspezione e le dinamiche di un intreccio che andava più limato, sgrezzato, levigato. Tanto che anche il protagonista Michael Fassbender, sofferente quanto basta, si aggira sul set un po’ spaesato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0