-1°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Calciobalilla, torneo in memoria di Simone Sorrenti
Soragna

Calciobalilla, torneo in memoria di Simone Sorrenti

 
Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde
MOTORI

Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde

 
I Pifferi, c'è tanta tradizione ma non solo
CHICHIBIO

I Pifferi, c'è tanta tradizione ma non solo

 
CREED II

CREED II

 
Oscar 2019, otto in corsa per il miglior film
Spettacolo

Oscar 2019, otto in corsa per il miglior film

 
Healthy food: Parma nella top ten in Italia
Just eat

Healthy food: Parma nella top ten in Italia

 
Cedacri acquisisce Oasi da Nexi
ICT

Cedacri acquisisce Oasi da Nexi

 
Offerte di lavoro a cura di Publiedi
OCCUPAZIONE

Offerte di lavoro a cura di Publiedi

 
Tribaudino: «La mineralogia studia anche le ceneri del termovalorizzatore»
UNIVERSITA'

Tribaudino: «La mineralogia studia anche le ceneri del termovalorizzatore»

 
In vendita su eBay rottami incidente principe Filippo
GRAN BRETAGNA

In vendita (già) su eBay i rottami dell'incidente del principe Filippo

 
Key West, buen retiro senza convenzioni
VIAGGI

Key West, buen retiro senza convenzioni

 
Il fantasma del castello di Bianello
QUATTRO CASTELLA

"Il fantasma protegge il castello": il Bianello fra suggestione, storia e turismo Video-intervista

 
Il senegalese Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»
CALCIO

Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

 
Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»
Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

 
Don Rossolini: «Pizzarotti deve dimettersi»
PARMA

Don Rossolini: «Pizzarotti deve dimettersi». Il sindaco: «Si tira dritto senza se e senza ma»

 
Tonfo di Apple, crolla a Wall Street: -10,01
Borsa

Tonfo di Apple, crolla a Wall Street: -10,01

 
Ipsia e Itis: i video dei ragazzi su razzismo, inquinamento e degrado in città
SCUOLA

Ipsia e Itis: i tre video dei ragazzi su razzismo, inquinamento e degrado in città

 
Nasce lo spazzino di quartiere, venti operatori per le varie zone della città
Parma

Nasce lo "spazzino di quartiere": 20 operatori in tutta la città. Video di "Io parlo parmigiano"

 
Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid
MODA

Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid Video

 
Torna Gazzarock
MUSICA

L'unico ParmAwards deciso dal pubblico: votate il "vostro" Gazzarock

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

Detroit

Una notte infinita lunga cinquant'anni

Detroit
0

E’ un film bello sin da subito questo - con quel prologo animato - e l’inizio, furioso come il resto, tutto macchina a mano, un crescendo di tensione, una lezione di montaggio. Insofferente all’omologazione, pronto a scegliere sempre (a rischio di giocarsi la benevolenza della massa) la strada più difficile.
Tanto che per rievocare - ricordando con rabbia -, le sanguinose rivolte che sconvolsero la Detroit di 50 anni fa, l’unica regista donna ad avere vinto l’Oscar, Kathryn Bigelow, non si appoggia alla stampella dei generi, evita il thriller come il film di denuncia, saltando invece da un personaggio all’altro, non dando mai (e qui sta la sua modernità) un vero punto di riferimento, un appiglio, anche morale (o semplicemente consolatorio) a chi guarda.
Girando (benissimo), sulle note dolci e maledette di Coltrane e della Motown, un film traumatico, anti-retorico, brutale, sincopato, nervoso, amaro. Senza eroi e senza protagonisti (tranne una, la città), in una coralità che - anche quando chiusa tra quattro mura - permette di ampliare lo sguardo non solo ai fatti in sé (peraltro atroci) ma a un’intera società malata, affetta dall’odio, cresciuta nella violenza e assuefatta al razzismo, sadica e endemicamente incapace di essere corretta, pacifica, giusta.
Una notte infinita, lunga 50 anni, in cui si specchia un’America impunita, che va avanti per tornare sempre al punto di partenza: ieri Detroit, oggi Charlotte. Non c’è espiazione nel cinema in perenne movimento della Bigelow, né giudizio, né via di fuga. Ma una narrazione frammentaria e mai indulgente, volutamente sconnessa: segno (e cicatrice) di un film che ti mette spalle (e faccia) al muro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0