Sei in Economia

Bper, l'utile semestrale è di 100,5 milioni

Npe lordo sotto il 10% a metà 2020. L'ad Vandelli: 'Perfezionate nei tempi previsti le operazioni straordinarie'

07 agosto 2019, 18:04

Bper, l'utile semestrale è di 100,5 milioni

Bper ha chiuso il primo semestre dell’anno con un utile netto di 100,5 milioni di euro, in calo rispetto ai 307,9 milioni dello stesso periodo del 2018, che beneficiava però di utili non ricorrenti frutto di plusvalenze sulla cessione di titoli di debito, prevalentemente Btp. 
Sul risultato del semestre pesano inoltre gli oneri derivanti dalla svalutazione integrale della quota del bond subordinato di Banca Carige sottoscritto dallo Schema Volontario del Fitd, pari a 13,3 milioni, e i contributi al Fondo di Risoluzione Unico Europeo per complessivi 32,6 milioni. 
Il risultato della gestione operativa scende dai 476,7 milioni del 2018 a 304,5 milioni, in un semestre caratterizzato dalla sostanziale tenuta del margine di interesse ordinario (-1,6% al netto degli effetti contabili IFRS9 e IFRS16) e delle commissioni nette (-0,3%) e dalla riduzione dei costi della gestione (-1%). Il costo del credito annualizzato si attesta su a 63 punti base (47 punti base nel 2018). Cresce la solidità patrimoniale con un Cet 1 fully phased che migliora nel semestre di 38 punti base al 12,33%. 

"Siamo estremamente soddisfatti di avere perfezionato nel mese di luglio e nei tempi previsti le operazioni straordinarie annunciate a febbraio relativamente all’acquisizione di una quota partecipativa incrementale in Arca Holding, all’acquisizione delle quote di minoranza del Banco di Sardegna e all’acquisizione del 100% di Unipol Banca con la contestuale vendita di circa 1 miliardo di sofferenze a UnipolReC". Lo afferma l’ad di Bper Alessandro Vandelli nella nota in cui commenta i conti del semestre. "Tali operazioni ci consentiranno di cogliere ulteriori opportunità di crescita e sviluppo" anche accelerando "il processo di riduzione dei crediti deteriorati e mantenendo un solido livello di capitale", ha detto Vandelli, sottolineando in particolare "gli ottimi risultati semestrali di Unipol Banca" che ha registrato un utile consolidato di oltre 21 milioni di euro e che dispone di "una dotazione patrimoniale che eccede i 570 milioni".

Sul fronte del nuovo Piano industriale 2019-2021 Vandelli sottolinea "alcuni importanti progressi" sul lato dei costi con "la chiusura di 48 filiali sulle circa 230 previste". 

Bper intende continuare nell’attività di pulizia del suo bilancio dai crediti deteriorati. Il gruppo modenese è convinto di "raggiungere con successo" l’obiettivo di portare il rapporto tra esposizioni deteriorate lorde e totale dei crediti (npe lordo) sotto il 10% entro la metà del 2020 ha detto Vandelli in conference call con gli analisti. Il derisking "non è ancora completato e siamo impegnati a realizzare gli obiettivi del piano industriale", ha aggiunto ricordando che solo tre anni fa il gruppo aveva un npe lordo del 23,5% oggi ridotto, su base pro-forma, all’11,8%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA