Sei in Economia

coronavirus

Borsa: Asia chiude in profondo rosso, crolla Tokyo

13 marzo 2020, 08:54

Borsa: Asia chiude in profondo rosso, crolla Tokyo

Le Borse cinesi riprendono quota e riducono le perdite nel finale di seduta: l’indice Composite di Shanghai chiude con un calo dell’1,23%, a 2.887,43 punti, mentre quello di Shenzhen perde l’1,08%, a quota 1.798,98. 
L’Autorità cinese di regolamentazione del settore bancario e assicurativo cinese ha reso noto oggi che banche e istituzioni finanziarie avevano aumento di oltre 1.400 miliardi di yuan (200 miliardi di dollari) i prestiti a supporto della lotta all’ epidemia del nuovo coronavirus. 

Tokyo, nuovo tonfo in chiusura (-6,08%)
La Borsa di Tokyo prosegue la fase di contrazione che ha portato l’indice di riferimento ai minimi in 30 anni, dopo il tonfo durante la notte a Wall Street - mai così male dal Black Friday del 1987, mentre si fa sempre più minacciosa l’espansione del coronavirus. Il Nikkei cede il 6,08% a quota 17.431,05, dopo aver perso fino al 10% a inizio seduta, spazzando via 1.128 punti. Sul mercato valutario lo yen continua ad apprezzarsi sul dollaro a 105,40 e sull'euro a 118,20. 

Hong Kong crolla in avvio, a -7,36% 
Anche la Borsa di Hong Kong si allinea all’ondata di vendite che sta investendo i listini asiatici dopo il nuovo tracollo di Wall Street tra i timori legati al coronavirus e a una recessione globale: l’indice Hang Seng brucia 1.789,75 punti, a quota 22.519,32 punti (-7,36%).

 Seul affonda in avvio, a -7,89% 
La Borsa di Seul affonda nei primi minuti di contrattazione: l’indice Kospi cede il 7,89%, crollando a 1.651,42 punti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA