Sei in Economia

CORONAVIRUS

A maggio in calo la fiducia di consumatori e imprese

28 maggio 2020, 11:28

A maggio in calo la fiducia di consumatori e imprese

Dopo la sospensione nel mese di aprile 2020 dovuta all'emergenza sanitaria in corso, le indagini sulla fiducia di consumatori e imprese tornano ad essere effettuate nel mese di maggio 2020. Le stime effettuate con i dati raccolti a maggio 2020 indicano livelli storicamente bassi dell'indice del clima di fiducia dei consumatori (94,3) e dell'indice composito del clima di fiducia delle imprese (51,1). Lo rende noto l'Istat. Il confronto dei dati di maggio con quelli relativi a marzo segnala flessioni per tutte le componenti del clima di fiducia dei consumatori; la diminuzione e' marcata per il clima economico e corrente mentre il clima personale e quello futuro registrano diminuzioni contenute. Il clima economico passa da 94,4 a 71,9, il clima personale cala da 102,4 a 100,9, il clima corrente cade da 104,8 a 95,0 e il clima futuro decresce solo lievemente, passando da 93,3 a 93,1.
Con riferimento alle imprese, le stime degli indici evidenziano una caduta della fiducia, rispetto a marzo 2020, nel settore dei servizi di mercato (l'indice passa da 75,7 a 38,8), del commercio al dettaglio (da 95,6 a 67,8) e delle costruzioni (da 139,0 a 108,4). Nella manifattura, l'indice di fiducia registra una flessione relativamente piu' contenuta, passando da 87,2 a 71,2, mantenendosi comunque su livelli storicamente bassi. "L'emergenza sanitaria in corso - commenta l'Istat - continua a influenzare negativamente il clima di fiducia degli operatori economici: per i consumatori l'indice raggiunge il valore piu' basso da dicembre 2013; per le imprese registra il valore minimo dall'inizio della serie storica, a marzo 2005. Per quanto riguarda le imprese, si rilevano livelli bassi di fiducia soprattutto nei servizi di mercato mentre la manifattura evidenzia una maggiore tenuta".