Sei in Economia

ECONOMIA

Barilla, 1 miliardo di investimenti in Italia nei prossimi 5 anni

16 luglio 2020, 09:23

Barilla, 1 miliardo di investimenti in Italia nei prossimi 5 anni

Dopo aver chiuso il 2019 con un fatturato da 3,62 miliardi di euro (+3% rispetto all’anno precedente), Barilla ha affrontato la grave discontinuità causata dall’emergenza con consapevolezza e determinazione, così da garantire massima sicurezza delle proprie persone e piena continuità operativa in tutte le geografie del Gruppo.

In questo momento storico di grande incertezza diventa ancor più importante reagire con tempestività e coraggio, intercettando i nuovi trend e i modelli di business e di consumo. “La pandemia – afferma il Presidente Guido Barilla – ha messo a dura prova il nostro sistema sociale ed economico. Questa fase di ripartenza sarà molto rilevante per tutti noi come cittadini e consumatori; ci impone il ripensamento di tanti aspetti della quotidianità, ma anche del modo di fare impresa. Siamo un’azienda orgogliosamente italiana da 143 anni, che ha nella passione delle sue persone, nella qualità dei propri prodotti e nel suo impegno per la sostenibilità i propri punti di forza. Proiettare questi punti di forza verso il futuro, anticipando gli scenari di innovazione e le nuove modalità di consumo, sarà la chiave per accrescere la nostra leadership internazionale e per portare l’eccellenza della gastronomia italiana nel mondo.”

Nell’ambito del piano globale di investimenti in corso, Barilla investirà un miliardo di euro in Italia nei prossimi 5 anni (2020-2024). Questa cifra rappresenta la maggioranza degli investimenti del Gruppo e riguarderà tre filoni strategici: 

Rinnovamento degli asset industriali, l’aumento della capacità produttiva, l’innovazione di prodotto e l’adozione di nuove tecnologie di industry 4.0. In particolare, molte risorse saranno destinate al completamento del piano industriale nei siti produttivi pasta e al continuo miglioramento degli asset nei siti bakery e nella produzione dei sughi;

Sviluppo continuo delle filiere strategiche di approvvigionamento (in particolare qualità, sostenibilità delle materie prime e benessere animale), i premi/incentivi riconosciuti agli agricoltori per una materia prima di grande qualità e per l’attenzione alla riduzione dell’impatto ambientale, oltre alla completa riciclabilità delle confezioni.

Acquisizioni nel territorio italiano, a partire da quella relativa allo stabilimento di Muggia (TS), che verrà finalizzata nel corso del 2020 e che consentirà inoltre la salvaguardia dei posti di lavoro per le persone impiegate nello stabilimento.

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA