Sei in Economia

PAROLA ALL'ESPERTO/SUPERBONUS

Cessione al coniuge del credito d'imposta o sconto in fattura

Inviate i vostri quesiti su fisco, previdenza, casa, lavoro a esperto@gazzettadiparma.net

02 novembre 2020, 11:14

Cessione al coniuge del credito d'imposta  o sconto in fattura

Sono interessato ad aderire alle opportunità del Superbonus. Mia moglie, che possiede una abitazione unifamiliare, ma senza redditi Irpef, può beneficiare del contributo con cessione del credito e/o tramite mia dichiarazione Irpef, essendo a mio carico, come già avviene per altri sgravi come le spese sanitarie? G.A.

La Circolare del 8 agosto 2020, n. 24/E dell’Agenzia delle entrate al paragrafo 1.2 afferma che la detrazione del 110% riguarda tutti i contribuenti residenti e non residenti nel territorio dello Stato, che sostengono le spese per l'esecuzione degli interventi agevolati. Tuttavia, sempre secondo quanto sostenuto dall’Agenzia delle Entrate, trattandosi di una detrazione a riduzione dell’imposta lorda, non possono usufruirne coloro che non abbiano da onorare tale tipologia di imposta. 
Questi contribuenti, possono invece optare per lo sconto in fattura o per la cessione del credito di imposta ad altri soggetti, come previsto ai sensi dell’articolo 121 del Dl 34/2020. Per usufruire di tale possibilità, non rileva il fatto che il reddito non concorra alla formazione della base imponibile oppure che l’imposta lorda venga assorbita da altre detrazioni.  Questo ad esempio è il caso di coloro la cui imposta lorda viene assorbita dalla no tax area oppure  per i titolari della sola abitazione principale il cui reddito viene sterilizzato da specifica deduzione.
Per tali contribuenti la possibilità di usufruire dello sconto in fattura o della cessione del credito è stata ribadita anche  all’interno di una risposta fornita all’Agenzia delle entrate  durante la manifestazione “Telefisco” organizzata da il sole 24 ore e tenutosi in data 27 ottobre. 
In riferimento al quesito posto dal lettore  pertanto la soluzione migliore da utilizzare è  lo sconto in fattura o la cessione del credito. Quest’ultima potrebbe essere effettuata anche nei confronti del coniuge. Tale possibilità è espressamente prevista dalla normativa in quanto la cessione può essere disposta in favore: 
- dei fornitori dei beni e dei servizi necessari alla realizzazione degli interventi;
-  di altri soggetti (persone fisiche, anche esercenti attività di lavoro autonomo o d'impresa, società ed enti); 
- di istituti di credito e intermediari finanziari.

Daniele Rubini Francesca Brizzolara (Studio Errei Commercialisti Associati)