Sei in Economia

UPI

Gruppo Giovani industriali: Leonardo Figna nuovo presidente

Riceve il testimone da Lorenzo Zerbini che chiude un lungo mandato. «È stata  un'esperienza molto importante,    per la mia crescita personale e professionale»

di Patrizia Ginepri -

05 dicembre 2020, 09:43

Gruppo Giovani industriali: Leonardo Figna nuovo presidente

Cambio al vertice per il Gruppo Giovani dell’Industria di Parma: Lorenzo Zerbini, presidente uscente dopo due mandati biennali e un semestre aggiuntivo dovuto all'emergenza Covid, ha passato il testimone a Leonardo Figna, eletto in occasione dell’assemblea per il rinnovo delle cariche che si è svolta online. «Un mandato lungo, rispetto alla scadenza naturale - spiega Zerbini -  nella speranza di scongiurare il virus  e organizzare l'assemblea in presenza, ma così non è stato».

Qual è il bilancio di oltre 4 anni trascorsi alla guida del Gruppo Giovani? «Assolutamente positivo - dice subito Zerbini - sono stati momenti che porterò per sempre nel cuore, un'esperienza importante sia per la mia crescita personale che professionale. Lascio un gruppo che, in questi anni, si è arricchito di nuove presenze, tanti ragazzi anche giovanissimi che si sono avvicinati con energia e voglia di fare».

Oggi gli iscritti sono quasi un centinaio. «Complice l'attività svolta, attrattiva e apprezzata  - sottolinea Zerbini - tutti hanno sempre partecipato con entusiasmo. Abbiamo puntato in particolare sulla formazione con il nostro ciclo “Assaggi” che è sempre stato un format vincente, con pillole di formazione che hanno toccato argomenti trasversali utili a tutti gli associati che operano in settori molto eterogenei. Abbiamo promosso approfondimenti sulla negoziazione, sul public speaking e in questo momento è in corso un focus sullo smart leader, visto il momento in cui tanti lavorano da remoto. Poi ci sono state giornate di incontro con grandi ospiti, ricordo Massimo Doris di Mediolanum, che ci ha spiegato il suo punto di vista sul modo di fare azienda, poi altre iniziative come le tradizionali visite aziendali. Abbiamo visitato Amazon, la divisione elicotteri di Leonardo, Google e nel nostro territorio Barilla, Dallara, Davines, Open, Agugiaro & Figna: aziende strutturate con alta qualità del lavoro da cui abbiamo tanto da imparare». Non solo.  «In ambito associativo, come  Giovani industriali, cerchiamo sempre di dare il nostro contributo di idee e a livello nazionale i Giovani di Confindustria sono stati anche una voce fuori dal coro - dice Zerbini -. Con l'attuale presidente nazionale Riccardo Di Stefano c'è un ottimo rapporto e siamo in stretto contatto. Quest'anno la pandemia ha fermato i tradizionali momenti di confronto tra tutte le realtà territoriali, speriamo di riprendere al più presto». 
Il futuro? «Mi aspetto che il Gruppo continui nel solco tracciato insieme in questi anni, l'auspicio è che rimanga coeso, vitale e attivo per poter incidere sul mondo lavorativo di oggi. Il nuovo presidente è preparatissimo e pronto a lavorare con grande energia, gli auguro di avviare anche progetti di più ampio respiro, magari  con gli altri Gruppi giovani della regione. Insieme per il futuro».