Sei in Economia

INPS

Figli in quarantena o Dad: ecco a chi spetta il congedo parentale

26 marzo 2021, 18:06

Figli in quarantena o Dad: ecco a chi spetta il congedo parentale

I lavoratori dipendenti con figli fino a 14 anni in quarantena (perchè positivi al Covid o in seguito a un contatto stretto) o in Dad che non possono lavorare in modalità agile potranno chiedere all’Inps il congedo con causale Covid pagato al 50%. Lo chiarisce l’Inps con un messaggio nel quale spiega che questa possibilità è valida dal 13 marzo, data di entrata in vigore del decreto sulle misure per fronteggiare la diffusione del Covid, fino al 30 giugno. In caso di figli tra i 14 e i 16 anni, il congedo si può chiedere al proprio datore di lavoro ma non è retribuito, né è prevista la contribuzione figurativa.

Il congedo spetta ai genitori lavoratori dipendenti, «alternativamente tra loro» quindi non negli stessi giorni e per figli conviventi. Il requisito dell’età e della convivenza non c’è se il figlio disabile in situazione di gravità è a casa per la chiusura delle scuole o del centri diurno o naturalmente se è in quarantena. Le domande dei dipendenti del settore privato saranno gestite dall’Inps. I dipendenti pubblici devono invece fare domanda direttamente all’amministrazione di appartenenza.

Non c'è quindi un limite di durata per la richiesta di congedo (come avvenuto con le prime misure) ma solo un termine massimo fissato al 30 giugno. Non è prevista invece l'astensione per i lavoratori che possono fare smart working.

Al momento l’Inps sta adeguando le procedure amministrative e informatiche di presentazione delle domande riferite al nuovo congedo ma - avverte - è già possibile fruire del congedo Covid «con richiesta al proprio datore di lavoro, regolarizzando la medesima, successivamente, presentando l’apposita domanda telematica all’Inps».