Sei in Economia

Coppa di Parma: produzione e vendite in crescita nel 2020, tiene l'export

Risultati positivi nonostante le difficoltà della pandemia, cresce il pre-affettato

30 marzo 2021, 12:26

Coppa di Parma: produzione e vendite in crescita nel 2020, tiene l'export

Dopo un 2019 interlocutorio, il comparto della Coppa di Parma Igp torna a crescere, superando anche le difficoltà legate alla pandemia. 

Segno positivo per tutti i principali indicatori, a cominciare dai volumi di produzione: 4,2 milioni di carne lavorata (+9% rispetto al 201); 1,8 milioni di chili la produzione etichettata (leggermente superiore rispetto al 2019) mentre il pre-affettato registra un incremento del 14% (complessivamente 430mila chili di carne suina).

Quest’ultima tendenza riguarda il mondo dei salumi in generale: in risposta all’emergenza Covid-19, i consumatori hanno infatti penalizzato il banco taglio e preferito l’acquisto di salumi confezionati in vaschetta. Il canale di vendita principale è la grande distribuzione.

Significativo è anche il dato relativo al fatturato al consumo: il comparto, che riunisce 21 aziende e che garantisce lavoro a 520 occupati (considerando l’indotto), ha raggiunto nel 2020 il traguardo di 68 milioni di euro (+13%). L'export tiene, soprattutto in Germania, Francia e Benelux, Canada, Svizzera e Regno Unito.. 

Fabrizio Aschieri, presidente del Consorzio della Coppa di Parma Igp, commenta: «Possiamo ritenerci soddisfatti dei risultati conseguiti nel 2020, resi ancor più significativi dalla particolarità del quadro macroeconomico. Guardiamo al 2021 con prudenza, perché purtroppo l’emergenza Covid-19 non si può ancora considerare conclusa».