×
×
☰ MENU

Prandini, da fusione Intesa-Ubi opportunità per l'agricoltura

Prandini, da fusione Intesa-Ubi opportunità per l'agricoltura

01 Marzo 2020,06:55

La Coldiretti auspica che la fusione fra Banca Intesa e Ubi, che darebbe vita alla terza realtà bancaria in Europa, vada a buon fine. Lo sottolinea il presidente dell’associazione degli agricoltori Ettore Prandini in una lettera al Sole 24 Ore spiegando che: «in questa delicata fase di transizione che vede il nostro Paese a rischio e potenzialmente oggetto di una ghettizzazione a livello internazionale a causa dell’emergenza coronavirus, tutto ciò che può contribuire a rafforzare il suo potere contrattuale e a restituire un’immagine corrispondente alla forza reale del nostro Paese è vissuto positivamente». 
«Pensare di poter contare su un colosso bancario che si collocherebbe al terzo posto nel continente, ci consentirebbe di sentirci più sicuri, dice Prandini. «Ci sarebbe più Italia in Europa.Grazie alle sue performance, all’articolazione dei suoi servizi e ad alla sua capacità di attingere ai fondi/programmi europei, Intesa è riuscita in un compito estremamente complesso: essere a un tempo «la banca del Paese» e banca di «territorio». «E' anche guardando a questo aspetto, che Coldiretti vede nella fusione con Ubi l’opportunità - specie per le aziende agricole più performanti - di accedere ai servizi a condizioni migliori», conclude il presidente di Coldiretti. 
 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI