×
×
☰ MENU

auto

La Ferrari riorganizza la squadra di vertice

La Ferrari riorganizza la squadra di vertice

10 Gennaio 2022,09:28

La Ferrari vara la nuova organizzazione con una nuova squadra di vertice. Più funzioni faranno direttamente riferimento all’amministratore delegato Benedetto Vigna che ad interim seguirà la diversificazione del marchio. A Vigna faranno riferimento in modo diretto anche sviluppo del prodotto e ricerca e sviluppo, trasformazione digitale, tecnologie, purchasing & quality, manufacturing, Internal Audit e Compliance.

Queste le funzioni che faranno riferimento a Vigna con i loro responsabili, molti dei quali già da tempo in Ferrari con ruoli di rilievo:
- Product Development e Research & Development, funzioni chiave per la creazione delle vetture Ferrari, sarà affidata a Gianmaria Fulgenzi, in Ferrari dal 2002 con diversi ruoli nello sviluppo prodotto, nella produzione e recentemente nella Gestione Sportiva. Ernesto Lasalandra, nominato chief Research & Development Officer, si unisce a Ferrari da STMicroelectronics, dove ha maturato un’esperienza di oltre 20 anni all’interno del settore hi-tech. Philippe Krief, già in Ferrari, con oltre 35 anni di esperienza nel settore automotive, sarà suo vice;
- Digital & Data, con il compito di accelerare la trasformazione digitale della società, sarà guidata da Silvia Gabrielli, che lavora per Ferrari dal 2019 e in precedenza ha lavorato per Microsoft; - Technologies & Infrastructures, con l’obiettivo di rafforzare la collaborazione e l’allineamento fra lo sviluppo e la produzione delle vetture, sarà guidata da Davide Abate, in precedenza a capo delle Tecnologie e in Ferrari dal 2012; - Purchasing & Quality per potenziare ulteriormente le partnership strategiche per continuare ad alzare la soglia dell’eccellenza, avrà come responsabile Angelo Pesci. per oltre 20 anni in STMicroelectronics; - Manufacturing, che continua a riportare al ceo, avrà alla guida Andrea Antichi, in Ferrari dal 2006; - Internal Audit e Compliance dove è confermato Marco Lovati, mentre Sabina Fasciolo continua a svolgere il ruolo di chief compliance officer.
Continueranno a fare riferimento a Vigna anche la comunicazione guidata da Charlie Turner, il Design (Flavio Manzoni), la finanza e i servizi finanziari (Antonio Picca Piccon), la Gestione Sportiva (Mattia Binotto), le risorse umane (Michele Antoniazzi), le attività legali (Carlo Daneo), il Marketing e commerciale (Enrico Galliera).

Mattia Binotto è stato confermato, nell’ambito della nuova organizzazione annunciata dalla casa di Maranello, alla guida della Gestione Sportiva di Ferrari, ruolo che ricopre dal 2019,
Binotto, nato il 3 novembre 1969 a Losanna, è dal 1995 nella Scuderia Ferrari dove è entrato come Test Engine Engineer per la squadra prove e ha ricoperto questo ruolo anche dal 1997 al 2003. Nel 2004 diviene Race Engine Engineer per la squadra corse e dal 2007 Capo Ingegnere, corse e montaggio, assumendo poi il ruolo di responsabile operativo del Reparto Motori e Kers nel 2009.
Dopo essere stato nominato vice direttore del reparto Motori ed Elettronica nell’ottobre 2013, Binotto diventa successivamente Chief Operating Officer per la Power Unit. Il 27 luglio 2016 viene nominato Chief Technical Officer della Scuderia Ferrari.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI