×
×
☰ MENU

Fondazione Monteparma

Patty L’Abbate: «Ecco la mia cura per il pianeta»

L'economista: «Agire! Non c'è più tempo Il Covid-19 legato al cambiamento climatico»

Patty L’Abbate

Patty L’Abbate

di Claudia Olimpia Rossi

31 Maggio 2022,09:00

Ripensare i sistemi produttivi e di consumo, in una dimensione rispettosa della vita sul pianeta.
È la missione di Patty L’Abbate: l’economista e politica ha presentato il suo libro «Una nuova economia ecologica; Covid-19 e il cambiamento climatico», all’Ape Parma Museo, con Mario Marini (agriturismo “Il cielo di Strela”, azienda agricola “Ritorno al futuro”) e Claudio Cerati (Upstream Italiana srl), imprenditori esemplari per capacità di innovazione e sostenibilità.
L’evento, moderato da Giulio Tagliavini, docente dell’Ateneo di Parma, dipartimento di Scienze economiche e aziendali, ha inaugurato la rassegna «Si fa presto a dire economia... Conversazioni sul futuro», organizzato da Fondazione Monteparma con l’associazione «Parma: dall’inizio al futuro».


Patty L’Abbate (docente universitaria, ricercatrice, autrice di testi sull’economia ecologica, senatrice, delegata ai Summit mondiali sul Climate Change COP24 e COP25) si definisce una guerriera decisa a «guarire il cuore umano dalla malattia endemica del narcisismo affinché torni a custodire le bellezze della natura e a commuoversi per le gioie e le sofferenze dei suoi simili».
«Ho scritto il libro - le sue parole - per i nostri ragazzi. I Millenials sono scesi in piazza per chiedere una casa per il loro futuro. Occorre cambiare subito i paradigmi economici, passando da un approccio antopocentrico ad uno biocentrico. Non c’è più tempo. A mio parere, come secondo molti scienziati, la pandemia di Covid è strettamente connessa all’aumento delle temperature del pianeta e legata all’inquinamento, perché il virus viaggiava nell’aria associato alle particelle delle polveri. In questo libro propongo i criteri per il calcolo degli indicatori di sostenibilità, l’analisi del ciclo di vita dei prodotti e la contabilità ambientale, di cui i nuovi manager dovranno dotarsi per affrontare il Green New Deal».
Una cura ecologica che si può tradurre in pratica. Come nell’azienda «Ritorno al futuro».


«La mia vita - ha spiegato il titolare Mario Marini, inoltre presidente di Confagricoltura Parma e di Musei del Cibo - è cambiata radicalmente: dall’ufficio di città ai campi sull’Appennino parmense. La decisione di assecondare la natura e rispettarne i ritmi è stata netta. Il biologico è una scelta etica, prima che produttiva. La tradizione per me è una cosa concreta: significa portare in tavola l’amore per la propria terra. Questo comporta anche tanto sacrificio. Cerco di rispondere alle istanze globali della sostenibilità con il mio mestiere di agricoltore e cuoco. Un concetto ben rappresentato dal modello della doppia piramide ideato e promosso dalla Barilla: quello che mangiamo deve far bene a noi e all’ambiente».
Dalla passione personale, legata ai sapori dell’infanzia, di Claudio Cerati, è nata nel 2013 Upstream Italiana, cui l’entusiasmo ha fatto da volano imprenditoriale.


«In ogni dettaglio della produzione del mio salmone affumicato - così Cerati - metto una cura maniacale: la filiera è tracciata fin dalla materia prima. Credo nell’importanza della consapevolezza: leggere le etichette, informarci, serve ad alimentarci in modo sano, piacevole e naturale».

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI