Sei in L'esperto

LA PAROLA ALL'ESPERTO / CASA

Superbonus 110%, proprietà esclusiva e comproprietà

I vostri quesiti su casa, fisco, lavoro, previdenza a esperto@gazzettadiparma.net 

di Stefano Rolli* -

25 gennaio 2021, 10:03

Superbonus 110%,  proprietà esclusiva e comproprietà

IL QUESITO
Sono proprietario unitamente a mia moglie (50% ciascuno), di un intero fabbricato in pessimo stato di conservazione, composto da tre unità immobiliari oltre ad accessori e pertinenze. Preciso che la proprietà è indivisa. Avremmo intenzione di intraprendere lavori edili di ristrutturazione e manutenzione sia degli alloggi che delle parti comuni. Possiamo essere ammessi alle detrazioni fiscali del 110%? Lettera firmata

Egregio Lettore il “Superbonus” 110% (D.L. n.34/2020 convertito in Legge n. 77/2020) sta interessando da tempo molteplici soggetti poiché, come noto, chi esegue una ristrutturazione fino al 30 giugno 2022, potrà contare su una detrazione fiscale del 110% delle spese sostenute per gli interventi che migliorano l’efficienza energetica degli edifici e che riducono il rischio sismico.
Sono sorti numerosi dubbi su questa grande opportunità di risparmio, tant’è che tutti gli organi istituzionali coinvolti hanno cercato e stanno tuttora cercando di risolvere diverse situazioni particolari, non riconducibili alla normativa, pubblicando numerose FAQ per cercare di aiutare cittadini ed operatori.

Anche nel Suo caso, in un primo momento, la Circolare del 08/08/2020 n. 24/E/2020 dell’Agenzia delle Entrate precisava che per l’accesso al Superbonus, l’edificio doveva essere costituito in “condominio” secondo la disciplina stabilita dagli artt. da 1117 a 1139 del codice civile ed escludeva pertanto la detrazione fiscale “straordinaria” (superbonus 110%), per gli immobili in proprietà o comproprietà indivisa costituiti da due o più unità immobiliari censiti autonomamente.

Per tali unità immobiliari si poteva essere ammessi alla fruizione delle detrazioni previste dal bonus “ordinario” sulle spese di ristrutturazioni e risparmio energetico.

Nel frattempo, la Legge di “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 n.ro 178 del 30 dicembre 2020”, alla sezione 1^, art. 1 comma 66, lettera n), ha apportato ulteriori modifiche alla predetta Legge 17 luglio 2020 n. 77.

In particolare ha esteso la possibilità di fruire del superbonus 110% per interventi su edifici composti al massimo da 4 unità immobiliari, posseduti in proprietà esclusiva o in comproprietà con altri soggetti (persone fisiche).

Conseguentemente l’immobile posseduto dal lettore, in comproprietà con la moglie e costituito da tre unità immobiliari presenta le caratteristiche richieste per usufruire delle detrazioni “straordinarie” stabilite dal superbonus 110%.

In questo caso al termine dei lavori trainanti e trainati (o per ogni stato di avanzamento dei lavori pari almeno al 30% del valore complessivo del preventivo), i tecnici dovranno attestare ed asseverare il superamento dei parametri e delle condizioni imposte dalla normativa in questione.

* Geometra, per Confedilizia Parma

 

IN COLLABORAZIONE CON