Sei in Hi tech

HI-TECH

All'Ifa tornano in voga i vecchi telefonini

di Riccardo Anselmi -

07 settembre 2019, 20:37

All'Ifa tornano in voga i vecchi telefonini

All’Ifa, la fiera della tecnologia in corso ora a Berlino, si assiste a un’inversione di tendenza. Gli smartphone tornano piccoli e semplici. Quasi come i vecchi telefonini. D’altronde proprio in questi giorni indiscrezioni sembrano confermare che, dopo l’iPhone 11, che verrà svelato da Apple in diretta streaming martedì, anche la casa americana starebbe lavorando a un modello compatto, successore dell’iPhone se, forse in arrivo già nei primi mesi del 2020. All’Ifa occhi invece puntati sull’Xperia 5 di Sony, versione mini del top di gamma Xperia 1 lanciato lo scorso marzo di cui riprende in linea di massima le caratteristiche, incentrate sulla multimedialità: il rapporto del display oled è di tipo cinematografico 21:9. Grazie a questa scelta, nonostante i 6,1 pollici di diagonale suggerirebbero dimensioni importanti, l’Xperia 5 dovrebbe essere facilmente gestibile con una sola mano, un po’ come imponeva la filosofia Apple ai tempi di Steve Jobs. 

Per un vero salto nel passato bisogna però fare un giro da Nokia, che alle promesse del 5G e degli schermi flessibili risponde con un’intera famiglia di smartphone in stile vintage, ispirati ai suoi leggendari cellulari, popolarissimi nei primi anni 2000. Dopo la riedizione del mitico 3310, ecco il low cost Nokia 110 (29 euro), un cosiddetto feature phone, quei dispositivi pensati solo per telefonare, giocare a Snake e oggi anche mandarsi messaggi con Whatsapp. Poi c’è il Nokia 2720 flip, che rivisita il classico design apri e chiudi a conchiglia, a cui adesso si aggiunge il display esterno per le notifiche. Infine il Nokia 800 tough, che appartiene alla categoria Rugged, telefonini che non temono di essere maltrattati, per esempio durante l’utilizzo in cantiere. Le certificazioni vanno dall’ip68, che indica la resistenza all’acqua e alla polvere, al Mil-std-810g (standard militare), che riguarda urti e temperature estreme. Tutti montano KaiOs, un sistema operativo mobile basato su Linux comunque compatibile con alcune app, come Facebook, Google assistant e Whatsapp.